L’allarme è stato lanciato oggi da Aniasa in una nota indirizzata all’Istituto Poligrafico della Zecca. Il problema non è nuovo e si ripresenta periodicamente. Ruggiero, presidente Aniasa: “È una situazione paradossale”.

MCTC Milano 19.1.2015

“La carenza di targhe per i nuovi veicoli sta rallentando le immatricolazioni di un mercato dell’auto in cerca di vera ripresa, causando ritardi, ulteriori appesantimenti burocratici e maggiori costi per la mobilità di aziende e privati. Se non si porrà rapida soluzione al problema, sono a rischio le 60.000 immatricolazioni di nuovi veicoli a noleggio previste per il primo trimestre 2015. È necessaria una soluzione rapida e definitiva al problema”.

È questo l’allarme lanciato oggi da Aniasa (Associazione Nazionale Industria dell’Autonoleggio e Servizi Automobilistici di Confindustria) in una nota indirizzata all’Istituto Poligrafico della Zecca. Il problema, diciamolo, non è nuovo e nonostante gli annunci più volte registrati da parte del Poligrafico, si ripresenta periodicamente: era accaduto ad aprile dello scorso anno, si è riproposto nell’ultimo trimestre del 2014 ed è esploso definitivamente in queste prime settimane del 2015.

La causa? La totale carenza di distribuzione delle targhe automobilistiche agli uffici della Motorizzazione Civile, soprattutto nelle sedi dei più importanti centri di immatricolazioni per il settore: Milano, Torino, Firenze e Trento. Una criticità che sta comportando riflessi negativi su tutta la filiera del noleggio.

Il noleggio, infatti, che nel 2014 ha rappresentato il 20% del mercato nazionale con 265.000 immatricolazioni, da inizio anno è impegnato nell’organizzazione della flotta di veicoli per la prossima stagione estiva e nella consegna di vetture per i parchi auto di 65.000 aziende e 2.500 PA.

“E’ una situazione paradossale che rischia di frenare un settore già penalizzato da tasse e appesantimenti amministrativi. Non si tratta solo di superare quest’ultima emergenza ma di mettere in campo interventi risolutivi che garantiscano nel tempo adeguata disponibilità delle targhe”, Fabrizio Ruggiero, presidente Aniasa.

NO COMMENTS

Leave a Reply