Dopo le delusioni di Montreal, Iceman chiarisce la propria posizione rispetto agli ordini di scuderia, mentre Bottas parla del rinnovo con la Mercedes. La Fia ammette: “Arriveranno nuovi team”.

Le indiscrezioni relative all’ingresso di una nuova scuderia in Formula 1 sono sempre più insistenti e anche la Fia non può più negarlo. Tramite le parole del presidente Jean Todt, infatti, la Federazione ha affermato di voler allargare il numero delle squadre nel prossimo futuro, magari a partire dal 2019.

“Al momento abbiamo 10 squadre, ma l’idea è portare questo numero fino a 12 e quindi, molto probabilmente, apriremo a breve un bando per cercare almeno 2 nuovi competitors – ha detto Jean Todt –. Questo perché abbiamo bisogno di controllare effettivamente che ci siano le condizioni ideali per accettare nuove squadre, che devono rispettare determinati criteri. Se si tratta di un grande produttore è più facile, se si tratta di un privato, invece, bisogna essere molto più attenti”.

Todt non si è comunque sbilanciato su proposte già ricevute: “Le voci si rincorrono sempre, effettivamente abbiamo avuto un interesse da parte di alcune squadre. Ovviamente, però, non potranno mai essere pronte per il 2018; sarebbe sciocco pensare che una nuova squadra possa essere pronta tra meno di otto mesi”.

Detto questo, le ultime voci parlano dell’ingresso di una nuova azienda nel registro delle società britanniche con il nome di China F1 Racing Team Limited. Comincia a prendere forma il sogno iridato cinese?

LA CONFERENZA STAMPA
1498144916634
@f1.com

Con queste premesse si dà il via al weekend del GP Azerbaijan 2017, ottava tappa della stagione, aperto dalla conferenza stampa piloti. Dopo le delusioni di Montreal (quarto e settimo posto rispettivamente di Vettel e Raikkonen), Kimi chiarisce durante la conferenza la propria posizione rispetto agli ordini di scuderia: “Le regole all’interno del team sono molto chiare e non sono cambiate. La prima cosa è fare in modo che entrambe le Ferrari stiano davanti; poi, se Sebastian fosse in grado di vincere e io no, certamente lo aiuterò”.

A Baku, la F1 torna a gareggiare su un circuito cittadino come Montecarlo, dove un mese fa Iceman ottenne una super pole position: “Purtroppo non ci sono mai garanzie di un bis, perché quello di Baku è sì un circuito cittadino ma anche totalmente diverso da quello di Monaco. In ogni caso, la nostra macchina è competitiva ovunque, daremo il meglio e vedremo di riuscire a star davanti”.

Per il Gran Premio dell’Azerbaijan è previsto un cambiamento di pneumatici, con mescole più dure. Per Kimi “non è una sorpresa, ma non starò a provare a indovinare cosa accadrà. Con i nostri rivali siamo stati vicini in tutte le gare e credo che lo rimarremo; la sorpresa sarebbe se non dovessimo esserlo più”.

Valtteri Bottas parla invece del rinnovo con il team: “La situazione di incertezza mi preoccupa? Mi sento bene – ha detto il finlandese -. Ogni anno sono stato in questa condizione, non sapevo dove sarei stato l’anno successivo. So che il team ha un piano, ma per ora non c’è alcun annuncio da fare, è una cosa tra noi”.

Quanto alla lotta con la Ferrari, invece: “Siamo estremamente vicini e lo saremo ancora. Abbiamo avuto difficoltà a trovare il giusto assetto e la giusta fiducia nei confronti della macchina in alcuni GP, ma sono fiducioso. La mescola dura non credo ci aiuterà; sta a noi farle funzionare bene, ma saranno uguali per tutti”.

GLI APPUNTAMENTI IN TV
1498144916634-4
@f1.com

Venerdì 23 giugno
Ore 11.00: prove libere 1
Ore 15.00: prove libere 2

Sabato 24 giugno
Ore 12.00: prove libere 3
Ore 15.00: qualifiche

Domenica 25 giugno
Ore 15.00: gara