F1 GP Australia, Sauber ancora perdente. Van der Garde deve correre

La Corte d’Appello ha respinto il ricorso della scuderia svizzera la quale per salvare la coppia Ericsson-Nasr avrebbe offerto al pilota olandese (che ha rifiutato) una congrua contropartita in euro.

GIEDO VAN DER GARDE

Ha vinto Giedo Van der Garde. Il pilota olandese deve correre a Melbourne e per tutta la stagione con la Sauber. La scuderia dovrà togliere il sedile a Felipe Nasr o a Marcus Ericsson. Questa decisione spetta solo al team, da parte sua il collegio giudicante (tre giudici) della Corte d’Appello di Vittoria ha respinto il ricorso della scuderia svizzera avverso la decisione del giudice Clyde Croft della Corte Suprema di Giustizia australiano il quale a sua volta aveva confermato la sentenza del collega del Tribunale di Ginevra.

La Sauber sarebbe disposta a versare a Van der Garder una congrua contropartita in euro per non farlo correre ma il pilota ha respinto l’ipotesi di transazione.

“Voglio il volante, non soldi”, Giedo Van der Garde.

Correrà se la Fia non farà un’altra delle porcate delle quali non riesce a fare a meno, ovvero togliere al pilota olandese la possibilità di essere reintegrato nel ruolo perché non avrebbe rispettato per tempo le procedure di rinnovo della superlicenza.