Ieri un venerdì di prove disastroso, oggi una super pole. Le qualifiche del primo GP Azerbaijan di F1 hanno esaltato ancora una volta Lewis Hamilton, che ha disintegrato il record della pista fatto segnare lo scorso anno da Nico Rosberg (quando a Baku si correva il GP d’Europa) ottenendo la 66° pole position in carriera (a -2 da Schumacher) e diventando l’unico pilota a ottenere una pole su ogni circuito del calendario.

Sulla pista di Baku, che nella notte ha subìto una modifica alla curva 8 dopo gli incidenti di Perez e Palmer  nel corso delle prove libere (è stata verniciata la parte interna ed è stato tolto il pezzo in plastica alla fine del cordolo che causava il rimbalzo delle monoposto), si è comportato bene anche Valtteri Bottas (2°) a oltre quattro decimi dal compagno, mentre è di oltre 1 secondo il divario con la Ferrari, che conquista comunque in blocco la seconda fila con Kimi Raikkonen terzo davanti a Sebastian Vettel.

@f1.com
@f1.com

Nel complesso, Seb può ritenersi più che soddisfatto, vista la tribolata terza sessione di prove libere in cui ha sofferto una grave perdita di liquidi dalla power-unit che ha costretto i meccanici a una sostituzione a tempo di record con la prima unità utilizzata quest’anno (e che ha già percorso 3.400 km).

Quinto tempo per la Red Bull di Max Verstappen, relegato in terza fila da Vettel per appena 38 millesimi. Bene la Force India, con Sergio Perez sesto ed Esteban Ocon settimo, e Lance Stroll ottavo, rivitalizzato dai primi punti conquistati nella gara di casa a Montreal. Delude invece Daniel Ricciardo, decimo e autore di un incidente a tre minuti dalla fine delle qualifiche che ha causato l’esposizione della bandiera rossa.

Male anche le McLaren di Fernando Alonso e Stoffel Vandoorne, entrambe eliminate in Q1 e ultimi dello schieramento a causa delle penalità accumulate nel corso del weekend per via dei ripetuti cambi dei componenti della power-unit.

La griglia di partenza del GP Azerbaijan 2017
HAMILTON: “UNO DEI MIEI MIGLIORI GIRI”
@f1.com
@f1.com

Più che soddisfatto del risultato Lewis Hamilton: “È stato uno dei giri più entusiasmanti che ho fatto in tutta la stagione. Tanta pressione perché già nel primo giro avevo il tempo, ma ho commesso un errore nell’ultima curva. Abbiamo faticato per portare le gomme in temperatura sul giro secco, ma sono davvero felice. Il giro mi è venuto sempre meglio curva dopo curva. Ho visto anche Valtteri che era davanti a me che ha fatto davvero un bel giro, però quando sono arrivato all’ultima curva mi sono detto ‘speriamo che basti questo’. Le qualifiche sono state alta tensione fino alla fine, dovrebbero sempre essere così. La gara di domani sarà lunga e difficile ma la posizione di partenza è perfetta”.

BOTTAS: “SPERAVO NELLA POLE”

Un po’ di delusione per Bottas: “Speravo nella pole. Il giro alla fine non è stato perfetto, ho faticato parecchio con la temperatura delle gomme, ma Lewis ha fatto un bel giro. Per me è deludente essere al secondo posto ma non è male”.

Kimi Raikkonen: “È stato davvero difficile per noi portare in temperatura le gomme. Abbiamo faticato ogni giro, a volte andava un pochino meglio, altre volte un po’ meno. Fortunatamente all’ultimo settore ho trovato un feeling migliore dal punto di vista del riscaldamento. Se porti le gomme in temperatura vai più veloce, ma non siamo arrivati molto vicini alla Mercedes. Credo però dipenda dagli pneumatici”.