Il miglior Verstappen della stagione. Anche se a 30 secondi dalla barriera a scacchi è andato contro le barriere distruggendo quasi la sua Red Bull. Una Red Bull decisamente sorprendente nel venerdì di Baku, che dopo aver dopo dominato le libere 1 della mattina (con Verstappen e Ricciardo in vetta, qui i tempi) si è confermata la monoposto più veloce anche nella sessione pomeridiana. A segnare il miglior tempo, con la configurazione da qualifica, di 1’43”362 è stato Verstappen, ma i distacchi degli inseguitori sono comunque ridotti, con i primi cinque racchiusi in appena due decimi: in ordine Valtteri Bottas, Daniel Ricciardo, Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel.

Su un asfalto con poco grip i dritti nelle poche vie di fuga del circuito di Baku si sono susseguiti per tutta la giornata e non sono sfuggiti all’errore nemmeno Vettel e Raikkonen. Nella simulazione gara, però, il tedesco della Rossa è stato il più veloce e il più costante. Segnali positivi, da sfruttare con un Hamilton così in difficoltà.

@f1.com.
@f1.com.

Già, perché l’inglese della Mercedes ha chiuso il venerdì con il decimo tempo e molti problemi che lo hanno portato a “discutere” con i suoi ingegneri e abbandonare i box prima della fine delle prove. Problemi anche per Fernando Alonso e Stoffel Vandoorne: i due piloti McLaren probabilmente saranno costretti a prendere il via dall’ultima fila dello schieramento per via dell’ennesimo cambio dei componenti della power-unit Honda.

Il motorista giapponese pare abbia voluto introdurre dei pezzi evoluti in occasione del Gran Premio d’Azerbaijan, anche se non è ancora stato specificato nulla a riguardo. A darne conferma è stato lo stesso Vandoorne, che prima delle prove libere ha affermato: “Sì, avrò una penalità sullo schieramento questa domenica, quindi credo che Alonso e io probabilmente partiremo dal fondo della griglia. Non so dirvi ancora quali e quante novità siano state portate qui dalla Honda, bisognerebbe chiedere a loro, ma non penso che ci saranno molte nuove introduzioni in questo fine settimana, per cui la situazione non sarà molto diversa da quello che abbiamo visto in Canada”.

I tempi delle libere 2
@f1.com.
@f1.com.