L’Autodromo José Carlos Pace ospita il 20° appuntamento del Mondiale 2016 di Formula 1, il penultimo appuntamento della stagione. Si tratta di un tracciato molto guidato con curvoni veloci: la Curva do Sol si percorre a circa 250 km/h, la Subida dos Boxes a 275 km/h e la Arquibancadas a oltre 300 km/h. La pista ideale per decidere le sorti del Mondiale piloti.

Lewis Hamilton costretto alla vittoria – missione che sta portando avanti egregiamente negli ultimi gran premi – è subito il migliore dopo la prima giornata di prove libere. Nella prima sessione lo è stato sia con gomme medie sia con le soft da qualifica, mentre Nico Rosberg si è mantenuto a distanza di sicurezza (3°) dietro a Max Verstappen con una Red Bull che, almeno al mattino, è sembrata molto competitiva fermandosi a soli 93 millesimi dall’inglese della Mercedes.

In mattinata la Ferrari ha girato solo con gomme medie. Risultato: Vettel e Raikkonen navigano al largo dai primi chiudendo con l’abissale distacco oltre il secondo e mezzo da Hamilton, rispettivamente, nono e decimo.

I TEMPI DELLE LIBERE 1.

Con un nuovo casco in omaggio a Senna, nel pomeriggio Lewis Hamilton bissa la prestazione mattutina stampando il giro più veloce in 1’12″271 e continuando a essere il più veloce sia nella simulazione gara che in quella di qualifica. Questa volta a stargli dietro per un soffio è Rosberg, 2° per 30 millesimi.

Di rivali al momento non se ne vedono, soprattutto nel passo gara dove il distacco degli avversari è consistente. Ricciardo e Verstappen sono a più di mezzo secondo dalla prima fila, rispettivamente quinto e sesto, mentre la Ferrari continua a restare in fondo alla top ten: Sebastian Vettel è settimo (+0”731) e Kimi Raikkonen ottavo (+0”776). Iceman è stato anche protagonista di un piccolo “screzio” in pista con Carlos Sainz: i due si sono reciprocamente infastiditi sorpassandosi e tagliandosi la strada. Atteggiamento che è finito al vaglio dei commissari di gara.

vettel brasile 2016

La sorpresa di giornata è la Williams, che conquista la seconda fila virtuale con Valtteri Bottas 3° e Felipe Massa 4°.

Massa dopo undici Gran Premi disputati in casa, con due vittorie e un Mondiale perso all’ultimo giro nel 2008 contro Hamilton, domenica saluterà Interlagos. Il pilota brasiliano a fine anno si ritirerà e la Williams gli ha dedicato la monoposto con il suo nome al posto dello sponsor e la scritta “obrigado” (“grazie” in portoghese) sull’alettone posteriore.

I TEMPI DELLE LIBERE 2.