Sebastian Vettel: "Peccato non avere entrambe le macchine in seconda fila. Per la gara siamo pronti, abbiamo fatto dei passi avanti”. Kimi Raikkonen: "Sono contento del passo gara, ma va confermato. Forse farà più caldo, speriamo che partire un'ora prima ci possa aiutare". Lewis Hamilton: "Non abbiamo ancora vinto".

raikkonen_vettel_getty

Don’t shot the pianist. Nel saloon di Shanghai il pianista di Maranello è in grado di fare ballare le gemelline Mercedes. Entrambi i pianisti di Maranello, Sebastian Vettel che partirà dalla seconda fila e Kimi Raikkonen che muoverà dalla terza. E che è! Dov’era scritto che Vettel doveva vincere in Malesia? Dov’era scritto che Mercedes e Williams dovessero ancora subire senza fare nulla per neutralizzare la montante marea Ferrari. Che non si è fermata. Aspettiamo la gara, per cortesia.

“Eravamo tutti vicini, anche se noi abbiamo fatto solo un giro con le gomme nuove. Peccato non avere entrambe le macchine in seconda fila. Sono contento. Ho dato il massimo, anche se speravo di essere più vicino alle Mercedes. Però è importante essere davanti agli altri. Per la gara siamo pronti, abbiamo fatto dei passi avanti”, Sebastian Vettel.

Iceman è stato il migliore nel passo gara delle libere. Lo aspettavamo in seconda fila, è in terza. Importa? Non dimentichiamo quello che ha fatto in Malesia, da ultimo a quarto.

“Sono contento del passo gara, ma va confermato. Forse farà più caldo, speriamo che partire un’ora prima ci possa aiutare. La strategia? Tutti useranno la stessa e questo minimizza le possibilità di fare qualcosa di diverso. Abbiamo però un set in più di gomme soft, speriamo che questo ci aiuti. Ho fatto un errore nel giro di qualifica, non posso certo essere felice”, Kimi Raikkonen.

Cinque pole in Cina e tre vittorie. E’ un record che lo inorgoglisce. Ma il passato non conta. Conta il futuro e la gara di domani è il futuro più vicino.

“Ho un buon feeling con la macchina, ma credo che questa pista e questi tifosi siano davvero speciali per me. Quanto alla strategia, in Malesia abbiamo capito che degradiamo di più le gomme e anche in questa volta sarà una sfida. Sarà dura, non abbiamo già vinto”, Lewis Hamilton.

L’anno scorso è stato il re delle pole. Almeno quelle. Oggi alla terza gara è ancora dietro. Solo 42 millesimi lo hanno diviso da Lewis Hamilton.

“E’ un peccato avere chiuso a 4 centesimi, ero talmente vicino… Però è così. Le Ferrari sono lontanissime sul giro veloce. Lo sapevamo che in qualifica sarebbe andata così. Noi abbiamo migliorato il passo gara, ma dobbiamo tenere gli occhi su di loro. In gara secondo me c’è tanto da giocare perché la gomma morbida si distrugge subito. Sarà dura”, Nico Rosberg.

NO COMMENTS

Leave a Reply