kimi Raikkonen gp russia 2016

Siamo alle solite. Buoni propositi. Che in qualifica su quattro possibilità non si sono concretizzati.

“Partiremo un pochino indietro, ma dovrebbe essere una gara interessante. Il passo gara è stato ottimo e sento bene anche la macchina. Avrei preferito che il gap fosse stato minore, ma Rosberg ha fatto davvero un ottimo lavoro. Vedo molto probabile la strategia con una sola sosta. Non sono frustrato per i problemi avuti in questi giorni. Fa parte delle gare. Noi stiamo spingendo molto a fondo e soprattutto nel passo gara abbiamo dimostrato di aver ridotto il gap. Siamo ancora ad aprile, abbiamo molto tempo e ho fiducia che nel futuro diventeremo noi i migliori”, Sebastian Vettel.

Impenetrabile sì ma quando sei profondamente deluso non puoi nasconderlo. L’impenetrabilità diventa una chiave di lettura.

“Sono deluso, vedremo in gara. E’ stato un weekend difficile finora. Abbiamo faticato a mettere insieme un buon giro. Penso che comunque in gara andrà meglio”, Kimi Raikkonen.

Per chi suona la campana? L’interessato losa. Ma è duro a morire anche se preoccupato.

“Ho perso potenza al motore in uscita di curva, lo stesso guasto dell’ultima gara. L’affidabilità è diventata un grosso problema per me, abbiamo perso molti punti in Cina e potrebbe accadere lo stesso qui”, Lewis Hamilton.

Il sornione. Dice e non dice. Sa e fa finta di non sapere. Allude per non dire che la Fortuna oltre che gli audaci aiuta molto chi in certi momenti non ha bisogno di aiuti.

“Ho sbagliato l’ultimo giro ma ero comunque fiducioso di riuscire a ottenere la pole. Le Ferrari nel Q2 erano piuttosto staccate e Lewis non ha partecipato all’ultima parte di qualifiche. E’ andato tutto molto bene e mi sento davvero alla grande. Gli altri sono stati estremamente sfortunati e la mia gara di domani sarà più semplice, anche se non ci sono mai dei Gran Premi facili”, Nico Rosberg.