Radames, discolpati. Ma non siamo d’accordo su chi sia Radames. Attimi di tensione nel dopo gara tra Vettel e Kvyat.

“Mi sei venuto addosso. Sei arrivato come un razzo, c’era anche una macchina a sinistra. Capisco che è una gara, stavolta ti è andata bene. La mia partenza non è stata perfetta, mi sono trovato in mezzo, Kvyat è arrivato con molta velocità e Kimi è arrivato a sinistra e non ho potuto far altro che prenderlo. Non è stata la cosa migliore per il team, mi dispiace molto”, SebastianVettel.

Il Radames russo rispedisce le accuse al mittente Radames tedesco.

“Dai piantala e dimentica, siamo entrambi sul podio. Penso d’aver fatto una bella partenza, ho visto lo spazio e ho cercato di andare dentro, certo ho rischiato, ma continuerò a farlo”, Daniil Kvyat.

Flemmatico come sempre. Ha incassato il colpo com’è nel suo stile.

“La partenza è stata un disastro. Poi ho cercato di fare il massimo. È stata una corsa non facile ma qualcosa ho ottenuto. In realtà non so cosa sia successo in partenza. Sono stato colpito e sono andato in testacoda. Ho forato anche l’anteriore sinistra e ho avuto un danno all’ala anteriore, ma non ho visto quel che è accaduto”, Kimi Raikkonen.

1837745-38752131-2560-1440

Infuriato come un toro nell’arena che vorrebbe incornare il torero che continua farsi beffa di lui.

“Rimonta nel finale? Mi sono stufato, per un motivo o per l’altro non va come deve andare, speriamo che si raddrizzi. Cosa ho pensato dopo il contatto tra Raikkonen e Vettel? Non posso dirlo, tanto dopo scatterebbe il bip in televisione…”, Maurizio Arrivabene, team principal Ferrari.

Il momento delicato ha richiamato a Shanghai il presidente della Rossa. Il suo vaticinio d’una Ferrari subito vincente non è avverrato.

Una partenza dolorosa e spiacevole, non da Ferrari. I piloti sono stati eccezionali nel recuperare quello che avevano perso. Sia Arrivabene che io siamo contenti, ma imbarazzati per quanto è successo tra i due piloti e speriamo che non accada in futuro. Vettel ha fatto uno sbaglio innocente: si è fatto beccare da un pilota molto meno esperto di lui. Hamilton non andava come doveva andare. Contro Rosberg non ce l’avremmo mai fatta, ma se fossimo stati più vicini non saprei dire come sarebbe andata a finire”, Sergio Marchionne, presidente Ferrari.

Vittoria numero 17 della carriera arrivata al termine di una gara fatta quasi tutta in assoluto relax.

“La partenza non è stata ideale, ma la mia macchina era grandiosa, e sono riuscito a creare un margine consistente. Ho cercato di spingere subito per aumentare il divario ed è andata bene”, Nico Rosberg.

Muso lungo del campione in carica che ha incassato la terza gara amara della stagione appena iniziata.

 “E’ stato terribile. Almeno ho fatto un paio di punti ed è positivo. La cosa più difficile è stato il danno alla vettura. È la seconda gara di fila che ho una vettura danneggiata, speriamo che sia finita e che la prossima vada bene. Una delle partenze peggiori, l’unica cosa che posso fare è tenere il morale alto”, Lewis Hamilton.