Dopo nove anni Lewis Hamilton torna in pole position al Gran Premio del Giappone. Per l’inglese, che aveva conquistato due pole nel 2007 e nel 2008 al Fuji, è la prima volta a Suzuka. Si tratta del 26° circuito in cui ha ottenuto una pole e quella di domani sarà la 116° partenza in prima fila della carriera. Come Michael Schumacher.

© Sutton Images

Hamilton è stato ancora una volta impeccabile sul giro veloce. Con il tempo di 1’27”319 ha stracciato di ben 1,7 secondi il precedente record della pista di Schumi che risaliva al 2006, rifilando più di tre decimi al compagno di squadra Valtteri Bottas, che ha sì ottenuto il secondo posto ma domani sarà costretto a scattare dalla sesta posizione in griglia. A sorridere per la ghiotta occasione è Sebastian Vettel, terzo, il quale però accusa un gap di quasi mezzo secondo nei confronti del diretto rivale in campionato.

Sessione nettamente più difficile del previsto per le Red Bull che soffrono un ritardo di un secondo dalla pole position, con Daniel Ricciardo quarto che questa volta è riuscito a sopravanzare Max Verstappen (5°). Entrambi hanno saputo tenersi alle spalle un non eccellente Kimi Raikkonen, a 1,2 secondi da Hamilton. Il ferrarista ha effettuato un solo tentativo valido nel corso del Q3, dopo aver commesso un errore nella stessa curva in cui aveva impattato nelle FP3. Un incidente che costa caro al ferrarista: Iceman dovrà arretrare infatti di cinque posizioni sulla griglia di partenza per la sostituzione del cambio della sua SF70H.

Kimi Raikkonen dopo l’incidente in FP3. © Steven Tee/LAT/Sutton Images

Dietro ai tre top team, come di consueto, le due Force India con Esteban Ocon davanti a Sergio Perez di un decimo e mezzo, quindi Felipe Massa e Fernando Alonso a chiudere la top ten. L’asturiano ha eliminato il proprio team mate Stoffel Vandoorne (11°) per una manciata di millesimi, nonostante avesse già una penalità dovuta al cambio di una componente della power-unit. Il belga non ha quindi potuto lottare per ottenere una posizione migliore, anche se comunque domani partirà dalla nona piazza grazie alle penalità inflitte a Raikkonen e Alonso. Qui tutti i tempi delle qualifiche.

La prima fase delle qualifiche si è conclusa con il violento incidente in curva 3 di Romain Grosjean. Il francese della Haas, uscito illeso dall’impatto, ha gravemente danneggiato la monoposto dopo aver perso il controllo della stessa a circa un minuto dal termine della sessione. Domani la gara prenderà il via alle ore 7:00 in diretta su Sky Sport F1, in differita su Rai 1 alle 14:10.