F1 GP Gran Bretagna. Arrivabene: Vettel ha azzeccato la mossa, Raikkonen ha sbagliato.

Il team principal della Ferrari assegna meriti e demeriti. Iceman: “La macchina oggi ha lavorato bene a livello di guidabilità, ma in rettilineo gli altri erano troppo veloci”. Vettel: “Ho avuto una partenza disastrosa e un primo giro orribile. Ho perso due posizioni, su Kvyat e Hulkenberg”. Hamilton: “Per la prima volta ho fatto la scelta perfetta e negli ultimi giri ho cercato di tenere duro”.

SEBASTIAN VETTEL 2Ci sarà qualcuno in più che si aggiungerà al coro: “Il destino di Kimi Raikkonen è nelle sue mani”. Al finlandese mancano le armi per essere “fabbro del suo destino”. In Ferrari appare sempre più evidente che ci sono due pesi e due misure?

“Sono soddisfatto per il lavoro fatto da Sebastian, ha dimostrato ancora una volta di chiedere di entrare per il cambio gomme nel momento perfetto. Poi ha fatto un capolavoro in pista. Ma dobbiamo anche essere onesti, con una gara tutta asciutta sarebbe finita in modo diverso. Abbiamo conquistato un terzo posto grazie a un grande pilota e una grande strategia. Ma serve anche una grande macchina. Abbiamo grandi ragazzi ai box, ma in caso di pioggia la chiamata è del pilota. E quello che è successo con Kimi è evidente. E’ chi sta in macchina a dover giudicare come lavora la monoposto. Lui ha fatto una chiamata in anticipo ed è finita così”, Maurizio Arrivabene team principal Ferrari.

E’ andata proprio così. Oppure… Sentite il diretto interessato.

“Ho preso io la decisione di entrare, ma in quel momento il tracciato era molto bagnato, dopo 3-4 giri era già così. Ho anticipato di qualche giro, però, perché poi ha smesso. La macchina oggi ha lavorato bene a livello di guidabilità, ma in rettilineo gli altri erano troppo veloci. Così non sono riuscito ad attaccare la Force India dopo il via”, Kimi Raikkonen.

La Ferrari è tornata sul podio. Questo conta, il resto è aria fritta.

“La pioggia ci ha fatto comodo, senza non saremmo mai arrivati al terzo posto. Abbiamo fatto la scelta giusta, siamo entrati al giro perfetto. Gran lavoro via radio. Ho avuto una partenza disastrosa e un primo giro orribile ma in qualche modo, grazie a una strategia aggressiva, siamo riusciti a recuperare la quinta e sesta posizione. Chiaramente il gap era troppo grande rispetto a chi stava davanti. Poi è arrivata un po’ di pioggia, che era quello che speravamo. La maggior parte del circuito era asciutta. Poi alla Chapel ho visto che c’era ancora più pioggia. Ho visto le nuvole, che rispetto al giro prima erano ancora più nere. Così ho pensato che fosse il momento di rientrare”, Sebastian Vettel.

King Lewis festeggia la terza vittoria nel suo regno.

“Sono davvero esaltato. In partenza ho perso aderenza, ma questo ha reso la gara più emozionante, anche per i fan. Per la prima volta ho fatto la scelta perfetta e negli ultimi giri ho cercato di tenere duro. Spero di continuare così”, Lewis Hamilton.

Prima dello scroscio di pioggia stava pregustando il sorpasso del compagno-rivale, poi.. Ed allora fa di necessità virtù.

“Me la potevo giocare per la vittoria, ma alla fine lui ha fatto la mossa giusta. Ho perso, complimenti a Lewis. Comunque, guidare qui è sempre un’atmosfera incredibile”, Nico Rosberg.

Deluso Felipe Massa. Ragazzo triste.

“Il mio è un sorriso a metà. Ho fatto una partenza incredibile e una bella lotta con chi era dietro, ovvero le Mercedes. Poi ho perso tempo nel pit-stop per pulire l’ala posteriore. Con le gomme dure avevamo un buon passo, ma con la pioggia abbiamo sbagliato e ci siamo fermati troppo tardi. Sono frustrato per aver perso un podio che avevamo in mano”, Felipe Massa.