Le prime due sessioni di prove libere con la Mercedes in sofferenza nonostante la pole provvisoria e la Ferrari arrembante nella prima fila virtuale. La Rossa fa paura, sempre con Iceman, anche sul passo gara.

Kimi_Raikkonen_Test_JerezMercedes nonostante i guai, Ferrari nonostante le sbavature. Nelle due sessioni di prove libere di oggi le monoposto di Stoccarda e quelle di Maranello hanno preso la scena relegando in ruoli subalterni tutte le altre.

In mattinata Nico Rosberg è stato il più veloce in 1’40″124 davanti a Kimi Raikkonen secondo a 372 millesimi e Sebastian Vettel terzo a 861. Nel pomeriggio, rientrato in pista dopo un lungo periodo di inattività per problemi alla power unit tra le libere 1 (solo 4 giri senza tempo) e le libere 2 (solo 16 giri per fare il tentativo veloce e provare un long run), Lewis Hamilton ha dettato il più recente articolo della sua legge imponendo al crono di fermarsi su 1’39″790 fatto con le gomme medie nuove togliendo a Kimi Raikkonen di chiudere al primo posto la simulazione qualifica, posizione raggiunta con le gomme medie usurate in 1’40″163. Comunque un altro buon secondo posto a 373 millesimi.

Nella seconda fila provvisoria trovano posto la Mercedes di Nico Rosberg con 428 millesimi di distacco e la Red Bull di Daniil Kvyat a 556 millesimi.

In terza le due Williams, quella del rientrante Valtteri Bottas quinta a 660 millesimi davanti alla numero 19 di Felipe Massa, sesta a 770.

Quarta fila per la Ferrari di Sebastian Vettel (il quattro volte campione del mondo durante la simulazione qualifica non ha potuto evitare un testa-coda che l’ha costretto a cambiare programma e a dedicarsi al passo gara) settima a 862 millesimi e la Toro Rosso di Max Verstappen (per la prima volta davanti al compagno di squadra Carlos Sainz Jr, 14mo) ottava a 1″430.

La ipotetica Q3 del venerdì è completata dalla quinta fila della Sauber di Marcus Ericsson, nona a 1″471, e dalla Red Bull (ancora problemi elettrici) di Daniel Ricciardo, decima a 2″009.

Bene nelle libere 1 con Romain Grosjean quarto e Pastor Maldonado 12mo, nelle libere 2 la Lotus ha sofferto per problemi alla power unit Mercedes ed alle sospensioni ed ha concluso con il venezuelano (15 giri) 11mo e il francese (appena 5 giri) 18.mo

La McLaren Honda non può che remare. Hanno remato sia il rientrante Fernando Alonso sia Jenson Button. Le monoposto di Woking nella griglia provvisoria occupano la terzultima e la penultima fila rispettivamente con lo spagnolo e l’inglese. Non hanno velocità e nel passo gara girano 4 secondi più lente delle Mercedes.

Passo gara che ha evidenziato un’eccelleta tenuta della Ferrari di Raikkonen per alcuni momenti anche davanti alle Mercedes e un buon ritmo di quella di Vettel (i due hanno girato con gomme diverse). In questo contesto sembrano non essere all’altezza della situazione le Williams. Ma siamo  solo al venerdì.

NO COMMENTS

Leave a Reply