Si è fatto vedere in cima alla classifica dei tempi solo nella prima sessione di prove libere, braccando da vicino i candidati outsider Sebastian Vettel (il più veloce nelle libere 2) e Max Verstappen (il migliore delle libere 3). Nessuna sorpresa, però, in qualifica: Lewis Hamilton conquista la pole position del Gp del Messico 2016.

Il crono di 1’18”705 lascia intuire come Lewis sia stato inarrivabile.

hamilton pole position messico 2016

È riuscito ad avvicinarsi a lui solo Nico Rosberg, il quale chiude secondo a poco più di 1,5 decimi di distacco non senza qualche momento d’apprensione dato che al primo tentativo lanciato in Q3 navigava lontano dai tempi del compagno.

Tutti gli altri non sono riusciti a scendere sotto il muro dell’1’19”. Red Bull comprese, in ripresa dopo la deludente uscita nel venerdì di prove ma decisamente migliori della Ferrari: Max Verstappen si accomoda quindi in terza posizione, Daniel Ricciardo in quarta.

verstappen messico 2016

Le aspettative Ferrari generate dal miglior tempo di Vettel nella giornata di ieri crollano come un castello di carte. Se ieri la temperatura della pista aveva strizzato l’occhio alla Rossa, oggi per la Rossa non c’è stata partita, anche se l’incipit in Q1 era stato decisamente molto promettente. Una falsa illusione. Un cambiamento di temperatura dell’asfalto, dai 30 C° di ieri ai 54 C° di oggi.

Conclusione? Kimi Raikkonen è sesto, Sebastian Vettel settimo.

vettel messico 2016

Davanti a loro in quinta posizione scatterà la Force India di Nico Huldenberg, il quale dopo aver firmato il contratto con la Renault sembra guidare con molta più scioltezza e tranquillità. Completano la top ten Bottas e Massa in ottava e nona posizione con la Williams e Carlos Sainz decimo con la Toro Rosso. I gauchi messicani Sergio Perez (Force India) ed Esteban Gutierrez (Haas) sono rispettivamente dodicesimo e diciassettesimo sulla griglia di partenza davanti al pubblico di casa.

I TEMPI DELLE QUALIFICHE DEL GP DEL MESSICO 2016.