All’Autodromo Hermanos Rodríguez va in scena il 19° appuntamento del Mondiale 2016 di Formula 1. Il venerdì di prove libere del secondo Gp messicano dell’era moderna offre conferme e sorprese. La conferma si chiama Lewis Hamilton, in palla dopo la tanto attesa 50esima vittoria in carriera, il quale chiude le libere 1 in testa sul circuito messicano con il tempo di 1’20″914.

Alle sue spalle ci si aspetterebbe di vedere Nico Rosberg e invece ci sono a sorpresa Vettel (staccato di soli 79 millesimi) e Raikkonen (+0”158).

2016 Mexican Grand Prix, Friday

Il tedesco della Mercedes in cerca del match point mondiale se la prende comoda e chiude la prima sessione solo 7°. Sessione che ha visto in affanno anche la Red Bull, con Daniel Ricciardo ottavo e Max Verstappen quattordicesimo nelle retrovie.

I TEMPI DELLE LIBERE 1.

La sorpresa Rossa della prima sessione diventa immediatamente una conferma nelle libere 2.

La temperatura fredda (16 C°) è un toccasana per il Cavallino, che porta Sebastian Vettel in vetta al classifica (1’19″790) tallonato stretto da Lewis Hamilton a soli 4 millesimi. Più staccato Rosberg, terzo a quasi mezzo secondo, e a conferma dell’ottima giornata di prove della Ferrari anche Kimi Raikkonen va forte e chiude quarto a pochi millesimi dal leader del campionato.

P-20161028-01543_News

Sempre in affanno la Red Bull. Ricciardo è quinto a oltre 6 decimi da Vettel, mentre Max Verstappen è ottavo. Tra i due torelli s’infila la Force India di Nico Hulkenberg, il quale ha anche girato con la meno prestazionale gomma gialla.

I TEMPI DELLE LIBERE 2.

La Ferrari ha sfruttato i lunghi tratti di rettilineo e le temperature basse. Gli ottimi tempi, però, sono proprio dipendenti dalla temperatura, quindi domani in qualifica sarà tutto da vedere. Ricciardo dice anche che la sua scuderia ha ancora qualcosa da giocarsi ed è ormai assodato che la Mercedes quando si tratta di partire dalle posizioni in griglia che contano non ne stecca una.