Carlos Sainz lanciato a 330 km/h ha perso il controllo della Toro Rosso. Al momento non sono note le cause dell'incidente. Dopo più di mezz'ora incastrato tra le protezioni, Sainz è stato trasportato in ospedale per accertamenti.

SAINZ (FILEminimizer)

E’ successo quando mancavano 24 minuti alla conclusione delle prove libere 3 che sono state immediatamente sospese. Carlos Sainz, tra i settori 2 e 3 del circuito, nel lungo tratto che porta alla curva 13 quando i piloti si lanciano a 330 km/h per arrivare ai 50 metri dove scalano dall’ottava alla seconda marcia ha perso il controllo della Toro Rosso che dopo avere impattato con l’anteriore contro il muretto sulla sinistra e averlo strisciato per tutta l’estensione si è imbucata come un missile fuori controllo dentro le barriere che delimitano l’ampia zona di decelerazione.

L’impatto, anche se attutito e ammortizzato in gran parte dalle barriere di gomma, è stato violento e tremendo tanto che le stesse protezioni si sono sollevate ed hanno coperto la monoposto che ha finito la sua folle corsa contro il retrostante guard-rail.

Il pilota è stato prontamente soccorso ma prima di liberarlo dalle protezioni sotto le quali è rimasto in pratica sepolto c’è voluta più di mezzora. Quando alla fine immobilizzato sulla barrella per essere trasportato al Centro medico del circuito Sainz ha alzato due volte il pollice è stata una liberazione per tutto il paddock che ha vissuto in preda all’ansia tutte le fasi del soccorso.

Dopo un breve controllo al Centro medico Sainz in elicottero è stato trasportato in ospedale per approfonditi accertamenti.

Al momento non sono note le cause dell’incidente. Dalla visione del replay televisivo le cause potrebbero essere state o un’avaria ai freni o la rottura ad una sospensione che ha reso ingovernabile la monoposto. Sainz ha effettuato 19 giri ed è stato classificato al 15mo posto. Escluso che nel pomeriggio possa prendere parte alle qualifiche e domani alla gara.

Per i piloti e i team che venerdì non hanno potuto effettuare i test necessari in preparazione delle qualifiche e della gara anche questa è stata un’occasione perduta. Il più veloce con le gomme supersoft è stato Nico Rosberg col crono di 1’38″561, secondo Valtteri Bottas a 726 millesimi e terzo Lewis Hamilton a 802. Kimi Raikkonen 12mo e Sebastian Vettel 16mo.

NO COMMENTS

Leave a Reply