F1 GP Russia. Terza pole stagionale di Nico Rosberg, in prima fila anche Lewis Hamilton

Più veloce nelle libere 3 Rosberg non ha mollato la presa ed è stato davanti nei primi due tagli della qualifiche per concludere con il giro-pole in 1'37"113. Hamilton a 320 millesimi. In seconda fila la Williams di Bottas e la Ferrari di Vettel, in terza la Ferrari di Kimi Räikkönen e la Force India di Nico Hülkenberg.

1172168_2430728_1024_683_sne19613

Tranquillizzato dalle notizie giunte dall’ospedale e dalla foto sorridente e rilassato che Carlos Sainz ha postato sul suo profilo Facebook lo spettacolo del Circus è andato in scena nel pomeriggio per i tre turni delle qualifiche. A conclusione delle quali Nico Rosberg ha sottoscritto la terza pole stagionale, un elisir che gli consente di trascorrere una notte serena per affrontare domani  il Gran Premio di Russia nel quale si giocherà (forse) l’ultima chance nella corsa al titolo. 1’37″113 per fare i chilometri 5,872 del circuito di Sochi al primo tentativo.

Pole che di fatto il tedesco aveva prenotato nei venti minuti che i piloti hanno stamane potuto girare per la terza sessione di prove libere interrotte per l’incidente a Sainz con il miglior crono di 1’38″561 andando quindi a giocarsi la partita importante nel moscacieca del pomeriggio non avendo di fatto piloti e team avuto a disposizione i tre turni di prove libere per acquisire i dati necessari soprattutto in riferimento alle gommature Pirelli di quest’anno (Gialle-Soft, Arancione-Supersoft). Nico è stato più veloce in Q1 con 1’38″343 e in Q2 con 1’37″500, crono ritoccato di 387 millesimi in Q3.

La Mercedes, comunque, ha confermato che la prima fila rimane un affare di famiglia. Lewis Hamilton secondo a 320 millesimi per una sbavatura proprio nello stesso punto prima della curva 13 dove stamane si è innescato l’incidente di Sainz.

Il secondo allineamento mette insieme Valtteri Bottas e Sebastian Vettel. Ma con distacchi rilevanti dalla Mercedes in pole a dimostrazione che la Stella di Stoccarda dopo la pausa inspiegabile di Singapore è tornata ad essere l’invincibile armata. La Williams del finlandese si è presa 799 millesimi di distacco (quella di Felipe Massa è stata esclusa in Q2 col 15mo tempo), la Ferrari del tedesco addirittura 1″047. I quattro delle prime due file hanno tutti centrato 1’37” con le differenze che hanno determinato i distacchi.

La Rossa di Kimi Räikkönen occupa la terza fila con il quinto tempo e 1″235 di distacco insieme con la Force India Mercedes di Nico Hülkenberg, sesto a 1″546. La Force India come Mercedes e Ferrari è la squadra che entrambi i piloti nella top ten. Sergio Peréz, infatti, occupa il quarto allineamento a 1″578, insieme con Romain Grosjean (prima guida, fresco di nomina della debuttante 2016 Haas; Esteban Gutiérrez sarà annunciato in Messico), ottavo con la Lotus a 1″674 (Pastor Maldonado 14mo in Q2). In quinta fila la Toro Rosso di Max Verstappen, nono a 1″811, e la Red Bull di Daniel Ricciardo, decimo a 2″615 (l’idolo di casa Daniil Kvyat 11mo in Q2).

La McLaren in caduta libera. Fernando Alonso festeggia i 250 gran premi bocciato in Q1, 16mo, e per altro penalizzato di 35 posizioni per avere cambiato turbocompressore e MGU-H; 20 li perde Merhi per gli stessi cambiamenti), Jenson Button ha afferrato al volo il tram della Q2 dove è sceso alla fermata n.13.