La consueta conferenza stampa piloti del giovedì apre ufficialmente il weekend della Formula 1 a Singapore. Presente anche Lewis Hamilton, speranzoso che un giorno quel vecchio leone di Fernando Alonso, prossimo al rinnovo con la McLaren, possa tornare un giorno a dare battaglia per le posizioni che contano. “Spero che abbia una macchina per lottare con noi l’anno prossimo – ha detto il leader della classifica iridata -. Potrebbe soltanto aggiungere ulteriore spettacolo. Tutti vogliamo vedere una vera sfida fra grandi piloti e grandi team, ed è un vero peccato quanto successo alla McLaren. Spero quindi che con quella o qualunque altra macchina guiderà l’anno prossimo Fernando possa tornare a lottare con noi”.

A Marina Bay, si sa, è importante partire davanti. Soprattutto visto che la Ferrari qui è data come la grande favorita per la vittoria. “Sicuramente le qualifiche saranno molto importanti – ha detto Hamiltonperché qua non si può superare, soprattutto con queste macchine ancor più veloci e larghe, quindi la posizione al via sarà certamente molto importante. Cercheremo di trovare subito l’assetto giusto, sarà uno dei fattori chiave”.

Lewis Hamilton però vede anche la Red Bull come possibile competitor. “Penso che anche le Red Bull saranno molto veloci qui – dice l’inglese della Mercedes – per cui non sarà uno dei weekend più semplici per noi. Sicuramente però affronto questa gara con grande positività, con l’obiettivo di vincere, senza pensare troppo a cosa potranno fare gli altri, al di là del maggiore carico aerodinamico che alcuni potranno avere”.