F1 GP Ungheria. Vettel: Tutto può succedere. Raikkonen: Vedremo nelle prime curve

Il quattro volte campione del mondo: “Con Lewis e Nico non si sa mai come andrà a finire. Ma mi aspetto anche di fare la gara insieme con le Williams e le Red Bull”. Iceman ottimista: “Parto dal lato buono della griglia. Dovremo fare una buona partenza”.

SEBASTIAN VETTEL 1Se non ci fosse la Mercedes… Ma bisogna prendere atto. Una volta di più. In qualifica non ce n’è per nessuno. In gara…

“Il terzo posto è soddisfacente, ora speriamo in una bella gara e, chissà. Su questa pista succedono tante cose la domenica… Magari riusciremo a fare qualcosa. Con Lewis e Nico non si sa mai come andrà a finire. Ma mi aspetto anche di fare la gara insieme con le Williams e le Red Bull. Quella di venerdì è stata una giornata difficile, con alcuni problemi che ci hanno rallentato. Adesso abbiamo trovato la direzione giusta, siamo stati calmi e dalla terze prove la macchina ha continuato a migliorare”, Sebastian Vettel.

I rumors sembrano non scalfire la sua corazza di… ghiaccio. Lui non sfoglia la margherita. Continua a fare il suo lavoro soprattutto contro le avversità. Perché dopo i problemi di venerdì anche oggi nelle libere 3 ha dovuto fermarsi e non provare la qualifica.

“Il problema nelle libere 3 non mi ha aiutato, ma non possiamo farci nulla adesso. Abbiamo usato la stessa macchina anche in qualifica, con qualche problemino qua e là. Non è andata male, ma siamo stati un po’ costretti a indovinare. Abbiamo messo assieme un giro solido, ma la posizione è dignitosa. Non è andata male, anche se non è quello che volevamo. Però parto dal lato buono della griglia. Dovremo fare una buona partenza e poi vedremo nelle prima curve. Speriamo in una gara pulita”, Kimi Raikkonen.

In nove anni di carriera cinque pole position a Budapest, nove in questa stagione su dieci gare. E domani la quinta vittoria all’Hungaroring?

“Finora questo weekend è stato perfetto. Amo questo meteo, questa città e questa pista, dove si corre con gomme super soft come ai tempi dei kart. Il team è sempre stato eccezionale, qui di più”, Lewis Hamilton.

Il nemico alle porte, anzi in casa, ammette la sconfitta. Un distacco troppo evidente per fare finta di niente. Anche se ha avuto di sottosterzo per tutta la qualifica.

“Non sono riuscito a trovare il passo. Ma non riesco a darmene una precisa ragione. Le cose durante la qualifica sono andate più o meno come secondo i piani. Ma il passo non c’era e anche la velocità è stata altalenante per tutto il weekend. Dobbiamo ancora capire il perché ed esaminare i dati questa sera. Le cose infatti non sono andate come avremmo voluto”, Nico Rosberg.

E uscito dall’armadio delle sorprese. Sorridente come sempre. E’ stata la sorpresa dell’anno scorso. Seconda vittoria sulle tre della stagione 2014. Quest’anno mai così avanti in griglia.

“Sono arrivato molto, molto vicino a Seb. Sono contento del mio giro, ho dato il massimo ed è stata una buona qualifica in tutte e tre le sessioni. In Q1 mi sono trovato molto bene con le gomme medie, perciò ho deciso di non usare un set di morbide. In questo modo, se domani facessimo due pit stop, avremmo un set di gomme option nuove in più. E questo è molto buono, abbiamo tutte le carte in regola per arrivare sul podio. Speriamo che sia così. Ripetere l’impresa dell’anno scorso e vincere…Niente è impossibile. Servirebbe un po’ di fortuna. Ma anche con un podio sarei molto soddisfatto”, Daniel Ricciardo.