F1 | La Mercedes W09 EQ Power+ per continuare a dominare [FOTO]

Le prime immagini ufficiali sono giunte dal circuito di Silverstone, dove la scuderia di Brackley ha programmato il primo shakedown della nuova monoposto con il campione del mondo Lewis Hamilton e Valtteri Bottas.

La monoposto più attesa del 2018 dopo la Ferrari si prende finalmente le luci della ribalta: ecco la Mercedes W09 EQ Power+, l’erede della W08 che dovrà sobbarcarsi una delle eredità più pesanti nella storia della Formula 1, cercando di portare a Stoccarda il quinto titolo consecutivo sia nel Campionato Piloti sia in quello Costruttori.

Le prime immagini ufficiali sono giunte dal circuito di Silverstone, dove la scuderia di Brackley ha programmato il primo shakedown della nuova monoposto con il campione del mondo Lewis Hamilton e il finlandese Valtteri Bottas, entrambi riconfermati dopo una stagione ad alti livelli nel 2017. Sui profili social della Mercedes, è apparso un video dove il numero 77 esce dal garage per fare il suo primo giro sul tracciato inglese.

La livrea riprende a grandi linee quanto visto lo scorso anno, con il grigio argentato in stile Mercedes che domina su tutta la vettura e il verde acqua dei dettagli propri del title sponsor Petronas, al fianco della scuderia anglo-tedesca fin dal suo ritorno effettivo in Formula 1 nel 2010. Come da regolamento, sono sparite la pinna di squalo e la T-wing, oggetto di discussioni durante l’intero 2017, ma è tornato un cofano motore molto più tradizionale. Spicca come sempre l’Halo, colorato di nero. Il muso ricorda, invece, quello visto nella seconda parte della passata stagione sulla W08, molto stretto e allungato.

“Vedendo l’Halo sulla nuova monoposto sono sempre più convinto della mia idea e se avessi una motosega tra le mie mani lo taglierei via personalmente – ha commentato con un accenno di sorriso Toto Wolff –. La sicurezza del pilota deve restare al centro dei progetti della Fia per il futuro, ma non ci possiamo permettere di snaturare in questo modo una monoposto da corsa. Dobbiamo cercare strade diverse per perseguire il medesimo obiettivo nei prossimi anni”.