Una crescita di partecipazione costante anno dopo anno, con l’edizione 2017 che ha raccolto oltre 12.000 domande d’iscrizione provenienti da 41 Paesi diversi (quasi il triplo rispetto al 2016) e una nuova edizione pronta a decollare. Infiniti ha aperto i battenti alla Engineering Academy 2018, la quinta edizione del progetto per reclutare i migliori ingegneri di tutto il mondo da inserire nel team Renault Sport Formula Uno. La nuova edizione beneficerà di un accesso senza precedenti ai circuiti di Formula 1 durante le settimane del Gran Premio, con sei delle sette finali dell’Academy che si terranno in pista: Canada, Silverstone per la finale europea, Singapore per la finale di Asia e Oceania, Stati Uniti, Messico e Abu Dhabi per la finale del Medio Oriente.

“L’Infiniti Engineering Academy è uno dei nostri progetti di maggior successo – ha dichiarato Tommaso Volpe, direttore Motorsport & Performance Projects di Infiniti – e siamo molto orgogliosi della crescita impressionante di questo programma anno dopo anno, sia in termini di iscrizioni sia di consapevolezza degli studenti. Nel 2018 offriremo nuovamente un’opportunità unica a sette giovani ingegneri provenienti da tutto il mondo e siamo incredibilmente lieti che quest’anno i vincitori saranno selezionati in pista durante le settimane del Gran Premio”.

I finalisti che verranno selezionati durante la Infiniti Engineering Academy (10 per regione) non solo avranno accesso alle aree di pit-lane, garage e motorhome del team Renault, ma il giovedì prima del Gran Premio di Formula 1 affronteranno diverse sfide sotto lo sguardo attento di Bob Bell, Nico Hulkenberg e Carlos Sainz.

Per l’edizione 2018 dell’Accademy Infiniti collaborerà anche con la professoressa Julia Minson, docente dell’Università di Harvard specializzata in scienze decisionali, che lavorerà per condurre ricerche rivoluzionarie nel processo decisionale degli ingegneri quando sono sotto pressione e devono prendere decisioni rapidamente.

“Attrarre i migliori talenti è cruciale per il successo in Formula Uno e l’Infiniti Engineering Academy ci aiuta a farlo – ha commentato Cyril Abiteboul, managing director di Renault Sport Racing –. È un’iniziativa fantastica che porta il reclutamento in F1 a un livello completamente nuovo e avvicina nuovi e diversi talenti allo sport, condizione fondamentale per il suo sviluppo futuro. Gli ingegneri dell’Academy che hanno lavorato con noi a Enstone sono un grande valore aggiunto per noi. Non vediamo l’ora di reclutare i sette vincitori del 2018 e ci aspettiamo gli stessi grandi livelli di talento che abbiamo visto negli anni precedenti”.