L’avvio produttivo dei due nuovi motori permetterà di azzerare la cassa integrazione a Termoli, dove attualmente lavorano 2.400 persone. Come primo importante segnale, nei prossimi mesi verranno assunti 50 giovani per ruoli strategici.

sergio marchionne termoli

L’amministratore delegato di Fca, Sergio Marchionne, ha incontrato oggi pomeriggio i dipendenti dello stabilimento di Termoli (CB). L’occasione è stata data dall’annuncio dell’inizio della produzione di due nuovi motori proprio nello stabilimento molisano.

Si tratta dei propulsori che verranno montati sulle future Alfa Romeo. Il primo è un 4 cilindri a benzina, il secondo è un 6 cilindri di derivazione Ferrari.

La capacità produttiva sarà di oltre 200.000 motori, in grado di soddisfare circa la metà dei volumi previsti nel piano Alfa Romeo al 2018. I lavori preliminari all’allestimento dei nuovi impianti sono già stati effettuati e nel corso dell’incontro di oggi è stato anche posato il primo macchinario di una delle future linee di produzione, una macchina Comau per la lavorazione meccanica della testa cilindri.

Tra costi di progettazione, sviluppo e ingegneria dei motori e la costruzione delle nuove linee, si tratta di un investimento di oltre mezzo miliardo di euro.

L’avvio produttivo dei due nuovi motori permetterà di azzerare la cassa integrazione a Termoli, dove attualmente lavorano 2.400 persone. Come primo importante segnale, nei prossimi mesi verranno assunti 50 giovani per ruoli strategici.

“Questo progetto ad alta tecnologia è parte integrante della scommessa Alfa Romeo. È stato assegnato a voi proprio per le vostre capacità tecniche. Questa è la vostra opportunità di dimostrare al mondo il livello di know-how tecnologico che siete in grado di raggiungere. Consideratelo un punto d’orgoglio. In una società dove spesso la forma conta più della sostanza, voi siete il simbolo di tutti coloro che lavorano in silenzio e con serietà, di chi alle parole preferisce i fatti. Siete un esempio di quei valori su cui abbiamo fondato Fca”, Sergio Marchionne.

NO COMMENTS

Leave a Reply