Per la prima volta sul grande schermo la storia di una delle Ferrari più belle e innovative di sempre. In anteprima mondiale in Italia il 9, 10, 11 ottobre. GUARDA IL TRAILER.

Sono poche le auto rivoluzionarie. Se parliamo di F1, la Ferrari 312B è certamente una di queste. Era il 1970 quando Mauro Forghieri, capo progettista della Ferrari, decide di far debuttare in pista un nuovo modello con un motore rivoluzionario – il V12 contrapposto – il primo motore “piatto” nella storia delle corse, progettato in origine per una fabbrica aeronautica americana “per poter stare nell’ala di un aereo”.

È però così che nasce la Ferrari 312B, che debutta nel 1970 permettendo subito a Jacky Ickx e Clay Regazzoni di vincere quattro Gran Premi e di gareggiare fino all’ultimo per il titolo. Ma è solo l’inizio di una rivoluzione tecnologica, che apre alla Ferrari un periodo di vittorie che dura almeno un decennio (1970-1980) con 37 vittorie, 4 titoli costruttori e 3 titoli piloti.

A raccontare sul grande schermo una storia di uomini e motori, ma soprattutto una storia di passioni, sarà il film Ferrari 312B di Andrea Marini, un evento speciale proiettato in anteprima mondiale in Italia il 9, 10, 11 ottobre 2017.

Il film racconta la storia di un ex-pilota di Formula 1, Paolo Barilla, che vuole riportare in pista a 46 anni di distanza dal suo debutto la Ferrari 312B, per farla gareggiare ancora una volta sul circuito di Montecarlo nella competizione riservata alle auto storiche. Barilla affida l’auto all’uomo che nel 1970 l’aveva concepita, l’ingegnere Mauro Forghieri, e a un appassionato team di meccanici. La macchina viene completamente restaurata pezzo per pezzo e preparata per il grande ritorno.