Maranello – La tempesta dopo la quiete continua in Ferrari. Dopo Marco Mattiaci, che aveva preso il posto dell’incolpevole Stefano Domenicali, ora sono cadute altre due teste sotto la mannaia del presidente Sergio Marchionne impegnato a fare il repulist necessario e a formare una squadra che possa rilanciare le monoposto di Maranello.
Nikolas Tombazis e Pat Fry sono stati silurati. La direzione tecnica è stata affidata a James Allison e a lui risponderanno due tecnici italiani allevati a Maranello, il chief designer Simone Resta e il direttore power unit Mattia Binotto, il quale sarà coadiuvato da Lorenzo Sassi nel ruolo di chief designer power unit.
Le attività della direzione dell’ingegneria di pista saranno gestite ad interim da Allison. La direzione delle attività sportive della Formula 1 è affidata Massimo Rivola, quella per le competizioni GT e Corse Clienti ad Antonello Coletta. Luca Baldisseri rimane a capo della Ferrari Academy che riporterà al team principal Maurizio Arrivabene, la prima mossa nel cambiamento impresso da Sergio Marchionne.

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.