Audi può finalmente sorridere in questa stagione di Formula E, grazie alla vittoria di Daniel Abt a Città del Messico, nel quinto ePrix della stagione 2017/2018. Per il team tedesco è la prima vittoria alla prima stagione nella formula elettrica, dopo un avvio di stagione imbarazzante, soprattutto per colpa della mancata affidabilità che ne ha limitato i risultati.

Il round messicano ha visto trionfare Abt al termine di una gara intelligente e votata all’attacco, che lo ha visto andare in testa dopo i problemi avvenuti al poleman Felix Rosenqvist, in testa alla corsa fino a quando la sua Mahindra lo ha fermato al 14^ giro all’ingresso della pit-lane. Rosenqvist riuscirà poi a ripartire, ma la sua gara ormai è stata compromessa. Al momento del cambio vettura, Abt è il più rapido di tutti e conquista la testa della gara, che manterrà fino alla bandiera a scacchi conquistando la prima vittoria in carriera in Formula E (e dopo la squalifica nel secondo round di Hong Kong che gli ha tolto la vittoria).

Secondo posto per Oliver Turvey (Nio), a 6 secondi dal vincitore, che chiude un’ottima gara davanti a Sebastien Buemi (Renault e.Dams), bravo a usare il fan boost per superare Jean-Eric Vergne al giro 28. Vergne chiude al quinto posto tra le due Jaguar, con Nelson Piquet JR 4^ e Mitch Evans 6^, a conferma della crescita esponenziale della Jaguar alla seconda stagione in Formula E. Antonio Felix Da Costa chiude 7^ davanti ad Edoardo Mortara, ottavo dopo una buona rimonta dal fondo dello schieramento.

Grande rimonta anche per Lucas Di Grassi che chiude al nono posto dopo una furiosa rimonta dal 16^ per colpa di un contatto con Jose Maria Lopez al giro 31. Il campione del mondo in carica è stato autore di numerosi sorpassi e anche del giro più veloce della gara, conquistando i primi punti in questo campionato. Alex Lynn chiude la zona punti in 10^ posizione, dopo la penalità di 10 posizioni che ha subito per la sostituzione del cambio sulla sua Virgin, a differenza di quanto accaduto al suo compagno di squadra Sam Bird, protagonista di una giornata da dimenticare in 17^ e ultima posizione. Qui l’ordine di arrivo e i tempi.

In classifica piloti, Vergne mantiene la testa del campionato salendo a quota 81 punti e allungando su Rosenqvist e Bird, fermi rispettivamente a 69 e 61. Buemi rimane quarto con 52 punti dopo il terzo podio consecutivo. Nella classifica costruttori Techeetah allunga su Mahindra, con 99 punti contro i 91 del team indiano, mentre Jaguar sale al terzo posto (74 punti) superando DS Virgin ferma a 70. Prossimo appuntamento della Formula E il 17 marzo, in Uruguay, sul tracciato cittadino di Punta del Este.