Jaguar ha finalmente sciolto ogni riserbo sul suo ritorno nel mondo delle competizioni rivelando il nome ufficiale del team in Formula E, i piloti e la livrea della vettura. Il team Panasonic Jaguar Racing gareggerà nella terza stagione del Campionato FIA Formula E con la prima Jaguar da competizione interamente elettrica, la I-TYPE 1, al cui volante ci saranno Adam Carroll e Mitch Evans.

“Oggi stiamo scrivendo un nuovo capitolo nella storia di Jaguar. Come primo costruttore premium in Formula E siamo molto orgogliosi di ritornare alle competizioni motoristiche di questo livello. Il futuro sta cambiando e noi siamo parte di questo cambiamento”, Gerd Mäuser, presidente Panasonic Jaguar Racing.

Il team Panasonic Jaguar Racing ha già completato con successo 21 giorni di prove, fino all’ultimo test pubblico della Formula E concluso ieri al Donington Park Circuit.

jagracingitypedoningtonfront08091601

“La competizione sarà ardua, perché i nostri rivali hanno due anni di esperienza in più. Siamo qui per vincere, ma anche per portare innovazione. Vorrei ringraziare Jean Todt, il suo team nella FIA, Alejandro Agag e il suo team in Formula E per la loro innovativa visione nel concepire questa serie”, James Barclay, Panasonic Jaguar Racing Team Director.

I piloti del Panasonic Jaguar Racing Team sono Adam Carroll, 33 anni dell’Irlanda del Nord, e il neozelandese Mitch Evans, 22 anni. Carroll porta in Jaguar la sua esperienza maturata iniziando con i kart e proseguendo con la F3, la GP2, l’A1GP, la IndyCar e il WEC. Vincitore di molteplici campionati con i kart e con vetture “a ruote scoperte” come il GP3 del 2012, Evans è un giovane pilota dalle notevoli credenziali. Ha anche partecipato alla 24 Ore di Le Mans, classificandosi nel 2015 al secondo posto nella sua classe. Nel 2016 ha gareggiato nella GP2 Series per la Campos Racing.

Terzo pilota sarà il cinese Ho-Pin Tung, 33 anni, che arriva al Panasonic Jaguar Racing dopo una lunga esperienza in F3, A1GP, GP2, WEC, IndyCar e i test di F1. Tung porta nel team anche la sua esperienza nella Formula E, avendo partecipato a tre gare della prima stagione del campionato.