Jerez de la Frontera – Mercedes prima anche oggi, stavolta con Nico Rosberg. La Mercedes è però prima, come ieri, con la monoposto 2011. Il primo pilota al volante di una monoposto 2012 è Grosjean (Lotus, +0’’806), secondo davanti a Vettel (Red Bull, +1’’684) e a Hamilton (McLaren, +1’’851), entrambi finalmente in pista dopo due giorni di riposo. In pista anche Alonso (Ferrari, +2’’799) che conferma la posizione ottenuta ieri da Massa, che oggi non ha girato.
<<Più giro – dice Vettel a fine giornata – e più mi sento a casa, come mi sentivo sulla macchina dell’anno scorso>>. L’evoluzione della monoposto campione del mondo nel 2011 comincia bene, a differenza della rivoluzione Ferrari che deve essere scoperta. Il distacco della Ferrarri dalla Red Bull è di 1 secondo e 2 decimi, ma questi tempi dei test, si sa, contano poco (per le meno in Ferrari lo sperano).
<<Non sono contento di dove siamo al momento – dice il direttore tecnico della Ferrari, Pat Fry possiamo migliorare. L’affidabilità è buona, le prestazioni sono ok e siamo in grado di migliorarle. Penso che abbiamo un sacco di lavoro da fare. La piattaforma di base è ok, stiamo guardando i vari settaggi di entrata in curva, percorrenza in curva e uscita di curva. Dobbiamo trovare il giusto equilibrio di queste cose. Ogni run cerchiamo una diversa configurazione>>.
Insomma, il primo appuntamento con la F2012 per Alonso, che avrebbe potuto dare sensazioni migliori allo spagnolo e a tutto il team, fa crescere da subito la mole di lavoro e la fretta agli uomini del Cavallino. (ore 18:00)