Gli organizzatori del prossimo Gran Premio delle Americhe, nel calendario di Formula 1 del 2013, hanno sottolineato che non c’è bisogno che il loro debutto debba essere ritardato. Il chiarimento fa seguito ai commenti di Bernie Ecclestone, che aveva affermato che l’evento avrebbe potuto essere rinviato al 2014 per mancanza di progressi nella costruzione del circuito. <<Il Gran Premio d’America a Port Imperial è in programma per giugno 2013 e si correrà sicuramente – ha dichiarato il promoter dell’evento Leo Hindery Jr al giornale Speed -. I box e le altre strutture permanenti sono in costruzione, stiamo continuando con l’ingegneria della pista e tutti gli altri pezzi necessari per una gara incredibile, che si farà dopo soli 14 mesi da che sono cominciati i lavori. Stiamo lavorando a stretto contatto con Bernie Ecclestone e la F1 per rendere la gara un successo per lo stato, i tifosi e lo sport, e così sarà>>. Prima di questo evento, gli Usa ne lanceranno uno già quest’anno. Si correrà infatti sul nuovo circuito permanente ad Austin, Texas. La gara texana farà il suo debutto in F1 a metà novembre 2012. Anche su questo circuito sono circolate delle voci immediatamente smentite. Red McCombs ha smentito la notizia secondo la quale le quote di uno dei primi investitori, Tavo Hellmund, ora ex dirigente del circuito, sono state vendute ad altri. Lo scorso anno ci fu una spaccatura tra Hellmund ed Ecclestone per questioni economiche. Da allora, Hellmund ha perso la sua posizione di presidente del progetto e una serie di nuovi investitori (tra cui McCombs) sono entrati in società, per coprire il deficit con Ecclestone. <<Per essere chiari, Red McCombs ha dichiarato che non ha alcuna intenzione di vendere le sue quote di partecipazione al Circuito delle Americhe – ha detto Julie Loignon, Vice Presidente del circuito delle relazioni pubbliche e comunitarie. Uno dei partner di McCombs, che ha investito nell’Accelerator, è la Holdings LLC, che detiene una partecipazione di minoranza del Circuito delle Americhe. Anche se Hellmund è stato quello che ha acquisito la rata di una parte di capitale di McCombs tale quota rappresenta un approssimativo 2% di interesse nel Circuito delle Americhe. Come tale, il signor Hellmund non poteva influenzare la gestione della Holdings Accelerator, per non parlare di tutta l’altra organizzazione>>. (ore 16:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply