Cambridge – Maria de Villota è stata dimessa dall’ospedale Addenbrooke dove era stata ricoverata in seguito al grave incidente di cui era stata vittima, durante i test della Marussia del 3 luglio scorso sulla pista dell’aerodromo di Duxford. La 32nne collaudatrice ha fatto ritorno in Spagna dove continuerà a curarsi. “Un ambiente più confortevole e familiare aiuterà senza dubbio Maria nella prossima fase del suo recupero”, commentano alla Marussia.
Le condizioni della donna sono migliorate in modo significativo nelle ultime due settimane, da qui la decisione di un ritorno a casa. “Con il supporto della sua famiglia, degli amici e del team, Maria avrà tutta l’assistenza possibile nei prossimi mesi”.
La de Villota ha perso l’occhio destro e ha riportato lesioni al cranio e al volto nell’incidente dello scorso 3 luglio. Nei giorni scorsi la Marussia ha reso noti i risultati dell’indagine aperta in seguito all’incidente, escludendo il malfunzionamento della monoposto come una delle possibili cause. La de Villota è stata trasportata in aereo a Torrejon e le cure proseguiranno in un ospedale di Madrid. <<Siamo felici di tornare a Madrid, nonostante tutto ci sentiamo molto fortunati e siamo grati all’equipe medica dell’ospedale di Cambridge che si è presa cura di Maria – ha detto il padre della collaudatriceMaria migliora giorno dopo giorno e speriamo che, se tutto continuerà ad andare bene, possa tornare a casa la prossima settimana>>.
Marussia, la monoposto funzionava bene
Lunedì 16/07/2012 – Cambridge – Mentre il decorso post operatorio continua secondo un protocollo medico ben definito e Maria de Villota, seguita dallo staff medico dell’ospedale di Cambridge dove si trova ricoverata, migliora giorno dopo giorno avviandosi lentamente verso la guarigione (ulteriori aggiornamenti sulle condizioni fisiche de Villota sono attesi nelle prossime settimane),  si apprendono, da fonte Marussia, il team di formula uno di cui la pilota spagnolo è terza guida, alcuni dettagli che riguardano l’incidente del 3 luglio scorso a Duxford Airfield. Secondo la Marussia l’incidente non sarebbe stato causato da un malfunzionamento della monoposto ma da un errore della 32nne pilota che nell’incidente ha perso l’occhio destro ed ha riportato traumi alla testa e lesioni facciali. La de Villota, alla quarta uscita con una vettura di F.1, ma all’esordio con la Marussia, dopo un primo test sull’aerodinamica ha centrato un camion di supporto fermo. Il piano di caricamento del camion ha forato la visiera del casco.
“Il team Marussia F1 – si legge in un comunicato ufficiale – ha condotto una prima analisi immediatamente dopo l’incidente. Questo con l’obiettivo di individuare le cause e i fattori che hanno contribuito a causare l’infortunio. Dopo aver esaminato attentamente tutti i dati e le informazioni supplementari disponibili in quel momento, il team ha accertato che non ci sono state problematiche legate all’auto e ha eliminato il suo telaio per la partecipazione al weekend di gara. Siamo soddisfatti che i risultati della nostra indagine interna escludano l’auto come un fattore nell’incidente. Abbiamo concluso il nostro lavoro di indagine e possiamo tornare a concentrarci sulle priorità che continuano ad essere il benessere di Maria. A tal riguardo, continuiamo a sostenere María e la famiglia de Villota in ogni modo possibile”.
 
de Villota, lento ma progressivo miglioramento
Venerdì 13/07/2012 – Cambridge – In un comunicato stampa il team Marussia definisce straordinario il recupero della test driver Maria de Villota rimasta ferita nell’incidente avvenuto a Duxford la scorsa settimana durante un test. Dopo essersi svegliata dal coma sabato scorso lo stato di recupero della pilota spagnola (ha però perduto l’occhio destro) è continuo, lento ma progressivo verso una completa guarigione che le permetterà il recupero di tutte le funzioni
che i medici ritengo possibile.
Il comunicato stampa del team Marussia esprime questo ottimismo: “Sono ormai trascorsi otto giorni dall’incidente di Maria de Villota a Duxford Airfield, mentre stava effettuando un test team Marussia F1. Nonostante le gravi lesioni, il recupero di Maria in questo periodo è stato notevole. Dopo due interventi chirurgici effettuati con successo  sabato scorso l’équipe medica dell’ospedale Addenbrooke aveva cominciato a ridurre gradualmente il livello di sedazione di Maria. Domenica mattina, Maria si è svegliata ed è stata in grado di parlare con la sua famiglia, fornendo un importante indicazione che ci sono stati segnali positivi per il recupero di Maria. Da quel momento, Maria ha fatto piccoli ma significativi passi. Lunedì è uscita dell’Unità di terapia neurologica intensiva e non assume più sedativi. La sua famiglia resta al suo fianco e lei comunica senza difficoltà sia con loro sia con l’équipe medica. Sono in corso accertamenti medici per monitorare le condizioni sul miglioramento di Maria. Il Team ha fornito l’aggiornamento con il consenso e il sostegno della famiglia De Villota, che, pur desiderosa di garantire che le cure di Maria rimangano la priorità, ha compreso e apprezzato la preoccupazione per la salute della congiunta”.
 
Maria de Villota, l’ottimismo aumenta
Mercoledì 11/07/2012 – Cambridge – Le condizioni di Maria de Villota, test driver della Marussia, sono in graduale miglioramento. Ne ha dato notizia con un comunicato la sorella Isabel. ”Lo stato di salute di Maria ha registrato un notevole miglioramento a partire dall’ultima operazione e ha permesso di trasferirla dal reparto di terapia intensiva. I prossimi giorni saranno cruciali per il recupero e per stabilire il grado delle lesioni subite nell’incidente nel quale Maria ha perso l’occhio destro. Ci sentiamo, tuttavia, molto incoraggiati per l’evoluzione della situazione e restiamo a fianco di Maria con rinnovata fiducia. Vogliamo, inoltre, esprimere ancora una volta la nostra profonda gratitudine all’equipe medica dell’ospedale per il magnifico lavoro compiuto, così come ringraziare per le numerosissime manifestazioni di affetto e di sostegno che migliaia di persone ci hanno fatto pervenire, da ogni angolo del mondo, Un sentito grazie anche al mondo della Formula Uno per i messaggi e i gesti messi in atto nel corso del Gran Premio di Silverstone”.
 
Maria de Villota uscita dal coma
Domenica 8/7/2012 – Cambridge – E’ stato registrato un miglioramento delle condizioni di Maria de Villota, la tester della Marussia ricoverata all’ospedale  Addenbrooke dopo l’incidente nel corso di un test lo scorso martedì. La 32nne pilota spagnola ha subito un nuovo intervento chirurgico e le sue condizioni sono segnalate stabili. “Lo staff medico si è dichiarato sufficientemente soddisfatto dei miglioramenti da poter consentire un nuovo intervento”, si legge in un comunicato diramato dalla Marussia. Ora le condizioni della sfortunata pilota, che ha perso nell’incidente l’uso di un occhio, sono definite “serie ma stabili”, risponde bene alle cure e mostra notevoli progressi per quanto riguarda le ferite facciali. Ieri pomeriggio, poi, i parenti hanno reso noto che Maria si è svegliata dal coma ed ha parlato per alcuni minuti.

Maria de Villota ha perso l’occhio destro
Giovedì 5/7/2012 – Cambridge – Maria de Villota, la pilota spagnola rimasta gravemente ferita martedì, dopo essersi schiantata contro un camion con la MR-01 del team Marussia F1 durante un test, ha perso l’occhio destro. Lo ha reso noto un portavoce della scuderia russa che gestisce la de Villota. La pilota è cosciente ma le sue condizioni rimangono gravi ed è sottoposta a continui esami medici all’ospedale Addenbrooke di Cambridge dove si trova ricopverata dal giorno dell’incidente avvenuto mentre la test driver stava effettuando l’installation lap nella prima prova.
Dopo il lungo intervento chirurgico, necessario a ridurre le fratture al cranio e al volto, alla ricostruzione plastica e alla soluzione dei problemi neurologici, le condizioni di Maria de Villota restano critiche, ma stabili.

Marussia, De Villota è cosciente
Martedì 3/7/2012 – Cambridge – Maria De Villota è cosciente e si sta sottoponendo a una serie di esami. È quanto riferisce la scuderia Marussia: “Da quando Maria è stata ricoverata intorno alle 10.45, all’ospedale Addenbrooke di Cambridge, ha ricevuto tutte le cure del caso in quello che è il maggior centro traumatologico della regione. Maria è cosciente ed è costantemente seguita e sottoposta a esami medici”.
 
Incidente alla de Villota, è grave
Martedì 3/7/2012 – Cambridge – Maria de Villota, la tester del team Marussia F1 impegnata in una prova con la MR-01, si è schiantata contro un camion che aveva trasportato la vettura all’Imperial War Museum at Duxford, luogo del test aerodinamico. Ancora poco chiara la dinamica dell’incidente, avvenuto intorno alle 09:15 di martedì. La spagnola è stata trasporta immediatamente in ospedale e ora lotta per la vita.
L’incidente è avvenuto mentre la tester stava effettuando l’installation lap nella prima prova al volante della MR-01. I test avrebbero dovuto fornire elementi utili in vista del GP di Gran Bretagna, in programma domenica prossima a Silverstone.
La polizia di Cambridge, in un comunicato, parla di una “collisione a bassa velocità su una pista privata tra una vettura da corsa e un camion” aggiungendo che Maria de Villota è “ferita seriamente”.
de Villota è stata scelta come test driver dal team Marussia ad inizio marzo. È figlia di Emilio de Villota, pilota spagnolo che ha effettuato due Gp nel 1977 con una McLaren. La 33enne aveva già provato una monoposto F1 lo scorso anno, una Lotus-Renault sul circuito Paul Ricard. Quella di questa mattina era stata la sua prima uscita come test driver.