Parigi – Parigi – Secondo pronostico, Jean Todt resta al comando della Federazione internazionale dell'automobile. Il francese, 67 anni, ex direttore sportivo della Ferrari, è stato rieletto, all'unanimità e per alzata di mano, presidente durante l'assemblea generale della Fia a Parigi. Un successo facile visto che Todt non aveva avversari candidatisi per la sua poltrona. Il britannico David Ward aveva ritirato la candidatura a metà novembre.
Da parte sua il presidente dell’Aci, Angelo Sticchi Damiani, è stato eletto nel Senato della Federazione Internazionale dell’Automobile. Sticchi Damiani è risultato anche il più votato nel nuovo Consiglio mondiale dello Sport. Il Senato Fia è composto da 15 membri oltre al presidente Jean Todt, di cui 8 sono espressione del voto dei delegati: 4 per la mobilità e 4 per lo sport. L’organismo svolge funzioni di proposta e di consiglio su tutti i campi di attività della Federazione che raggruppa gli Automobile Club e i Touring Club mondiali, tra cui l’Aci.
Il Consiglio mondiale dello Sport, con 27 componenti, è invece il più potente organo in ambito sportivo e stabilisce, tra l’altro, i regolamenti dei vari campionati delle serie automobilistiche e del karting.
La duplice investitura di Sticchi Damiani rappresenta un importante riconoscimento internazionale del ruolo dell’Automobile Club d’Italia nello sviluppo globale di una mobilità più responsabile ed efficiente, oltre che nella definizione di nuovi standard di sicurezza e sostenibilità delle corse automobilistiche.

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.