Enstone – Il cambio di regolamento per la stagione 2014, con l’introduzione dei nuovi motori V6 turbo, ha comportato per tutti i team ingenti spese.
Le squadre meno “ricche” quindi incontrano più difficoltà nello sviluppo del nuovo propulsore, tanto che la Lotus ha deciso di saltare i test in programma il 28 gennaio a Jerez, in modo da avere più tempo da dedicare allo sviluppo della nuova monoposto.
Se è vero che le condizioni meteo a Jerez sono spesso complicate, è altrettanto vero che dati i grossi cambiamenti di regolamento, sarebbe opportuno per tutti i team incominciare a prendere “contatto” con la monoposto, in modo da affinare tutte le caratteristiche dell’auto.
Il direttore tecnico Nick Chester ha dichiarato <<Terremo nascosta la nostra macchina un po’ più a lungo rispetto agli altri, abbiamo deciso di non partecipare ai test di Jerez anche se non è l’ideale per il nostro programma di sviluppo. Dovremmo presentare la nostra macchina prima dei test in Bahrain e lì dovremmo riuscire a mettere in pista una macchina già rappresentativa del 2014 – Chester ha poi concluso – Ci sono alcuni concetti della E21 che sono validi anche per la E22. Abbiamo fatto ottimi progressi e passato i crash test prima di Natale. Ci rimane solo il musetto per la completa omologazione. Dopo aver visto la monoposto, i nostri partner si sono detti impressionati dal layout e dalle soluzioni tecniche per affrontare questa nuova sfida>>.
Si dovrà attendere quindi il 19 febbraio per scoprire la nuova Lotus e vederla all’opera con Grosjean e Maldonado al volante per i test in programma in Bahrain.
Tutte le verifiche dei crash test sono state portate a termine con successo e le ragioni del ritardo non sono da collegare a problemi di omologazione, bensì è una scelta tattica, per consentire agli ingegneri di passar più tempo possibile in fabbrica alla ricerca di una affinamento tecnico del progetto.
Chester infine, per cercare di tranquillizzare i tifosi della Lotus, ha dichiarato <<Il programma di sviluppo della E22 sta andando avanti da due anni ed è illuminante vederla crescere. Abbiamo spalle forti a Enstone e stiamo assaporando le sfide che ci attendono nella nuova stagione. Dal nostro punto di vista, il quadro complessivo è positivo. Detto questo, non sappiamo come stanno lavorando le altre squadre. Questo è il primo anno con un regolamento totalmente diverso e potenzialmente può succedere di tutto. E’ affascinante per noi ingegneri e spero che sia altrettanto affascinante per i tifosi. Pensiamo di aver sviluppato un’ottima soluzione per la E22>>.
L’altra notizia riguarda un divorzio, quello tra il team ed il terzo pilota Davide Valsecchi. L’Italiano aveva il ruolo di sostituire uno dei due piloti ufficiali durante la passata stagione. Ma nel momento in cui avrebbe dovuto guidare al posto di Raikkonen, è stato preferito Kovalainen. Inevitabile quindi la separazione tra Valsecchi e la Lotus.
Al suo posto , il 23ennedanese Marco Sorensen, gestito da Eric Boullier e settimo nel campionato Renault Series 3.5 nel 2013.