Grenoble – Costretti a venire allo scoperto, dopo lungo silenzio, dalla notizia circolata sul web che aveva diffuso la notizia della morte di Michael Schumacher, i medici dell’ospedale di Grenoble che hanno in cura il sette volte campione dal mondo dal giorno dell’incidente sulla pista innevata di Meribel nell'Alta Savoia, hanno diffuso un comunicato ufficiale per rende noto che "Michael Schumacher non è morto, è in stato vegetativo".
I medici hanno voluto precisare che le condizioni di Schumi restano delicatissime, ma è ancora vivo. Il sette volte campione del mondo di F1 è ricoverato da più di un mese dopo l’incidente sugli sci il 29 dicembre 2013 andando a sbattere la testa contro alcuni spuntoni di  roccia all'incrocio fra due piste.
Operato due volte e mantenuto in coma indotto attraverso sedazione, Michael non ha mai ripreso i sensi. Da una settimana, le terapie di sedazione sono state ridotte ma le fasi di progressivo risveglio non sono state come i medici dell'ospedale di Grenoble speravano.

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.