Sakhir – Ancora davanti le monoposto con motore Mercedes mentre continuano a soffrire quelle col propulsore Renault. Ferrari e company si arrangiano.
Il giro nettamente più veloce della seconda giornata lo ha fatto registrare Kevin Magnussen a conclusione di una sessione di 46 tornate complessive. 1’34”910 per la McLaren Mercedes del pilota danese che ha migliorato di 1”970 il crono di ieri di Nico Hulkenberg con la Force India Mercedes. Il pilota tedesco oggi ha effettuato 59 giri e si è classificato al secondo posto con 1”535 di distacco.  Al terzo posto la Ferrari di Fernando Alonso che ha fatto 97 giri. Il distacco dello spagnolo è stato di 1”606. Quarto Nico Rosberg con la Mercedes, 85 giri, a 2”055. Quinto VAltteri Bottas con la Williams Mercedes, 116 giri (record di giornata), a 2”418.
Kamui Kobayashi con la Caterham Renault si è classificato sesto dopo avere effettuato 66 giri, a 4”945. Sebastian Vettel con la Red Bull che non decolla ha oggi perlomeno fatto 59 giri classificandosi settimo e un distacco da paura: 5”430! Ottavo Jean-Eric Vergne con la Toro Rosso quest’anno motorizzata Renault. Il francese ha fatto 58 giri, il migliore con 5”699 di distacco da Magnussen. Nono Esteban Gutierrez con la Sauber Ferrari, 55 giri, distacco 5”807. LA top ten di oggi è stata chiusa da Romain Grosjean, nono, la cui Lotus Renault ha fatto solo 18 giri ed ha sommato un distacco di 6”760, e da Max Chilton, decimo, con la Marussia Ferrari buona per fare solo 17 giri e prendersi un distacco di 7”601.

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.