GP AUSTRALIA. Hamilton-Rosberg, Mercedes bum bum

GP AUSTRALIA. Hamilton-Rosberg, Mercedes bum bum

Melbourne -. Offuscata stamane, abbagliante nel pomeriggio. La Stella della Mercedes è apparsa nel cielo dell'Albert Park per dominare la seconda sessione delle prove libere sia in simulazione qualifica sia sul passo gara. Se le cose stanno come sono apparse l'agettivo da usare è de-va-stan-te!
Il giro veloce lo ha fatto Lewis Hamilton che si è rifatto delle preoccupazioni della mattina quando si è fermato nel corso del giro d'installazione. 1'29"625, 4"117 più lento del crono delle libere 2 dell'anno scorso (Vettel). Secondo il compagno di squadra dell'inglese, Nico Rosberg (+157 millesimi) a lungo rimasto in testa alla classifica. Sono stati i due piloti a girare in 1'29". Dal terzo all'ottavo in 1'30". 
Alla prima fila virtuale Mercedes fa da contraltare una seconda che assembla una Ferrari e una Red Bull. Fernando Alonso ha fatto registrare il terzo crono ma già con più di mezzo secondo di distacco da Hamilton, Sebastian Vettel con una monoposto "risuscitata" il quarto con più di 7 decimi. Distacchi pesanti che attestano la supremazia della Mercedes che si è consolidata nella seconda parte della sessione quando i team hanno svolto il lavoro della simulazione gara. Le due monoposto di Stoccarda hanno girato frequentemente in 1'34" basso, passo saluariamente tenuto dalla Red Bull di Vettel mentre la Ferrari di Alonso ha fatto 1'34" alto. Per tutti vale la preoccupazione espressa dal tem principal della Red Bull Chris Horner il quale dopo gli ultimi test ha detto <<a Melbourne rischiamo di essere doppiati tutti dalle Mercedes>>.
Tertza fila virtuale con la McLaren di Jenson Button quinta (885 millesimi) e la Red Bull di Daniel Ricciardo sesta (+913) ,altro segnale del "risveglio" miracoloso dal coma profonda della monoposto austriaca.
In quarta fila troviamo la Ferrari di Kimi Raikkonen, settima con 1"273 di distacco, e la Williams di Valtteri Bottas, ottava con 1"295. La Williams in effetti è stata la delusione della prima giornata dopo le ottime impressioni nei test pre-stagionali che la indicavano come seconda forza se non prima alla pari con Mercedes.  Felipe Massa ha fatto peggio del finlandese, concludendo la sessione tra i cinque piloti con 1'31", 12mo a 1"494 da Hamilton. Il brasiliano è stato preceduto da Kevin Magnussen, nono con la McLaren (+1"406), Nico Hulkenberg, decimo con la Force India (+1"429) e da Jean-Eric Vergne, 11mo con la Toro Rosso (+1"435). Ultimo pilota dentro l'1'31 è stato Sergio Pérez, 13mo con la Force India (+1"658).
Disfatta Lotus: Pastopr Maldonado a continuato gli ozi forzati della mattina, Romain Grosjean ha girato poco e male finendo 18mo con 4"021 di distacco e non si è fatto mancare anche un insabbiamento che lo ha tolto dall'attività a 5 minuti dalla conclusione.
Inattivi ancora per problemi ancora da scoprire i due della Caterham, Marcus Ericsson e Kamui Kobayashi.

Clasifica e tempi delle libere 2
1 Hamilton  Mercedes 1'29"625 
2 Rosberg  Mercedes 1'29"782 
3 Alonso  Ferrari 1'30"132 
4 Vettel  Red Bull 1'30"381 
5 Button  McLaren 1'30"510 
6 Ricciardo  Red Bull 1'30"538 
7 Räikkönen  Ferrari 1'30"898 
8 Bottas  Williams 1'30"920 
9 Magnussen  McLaren 1'31"031 
10 Hülkenberg  Force India 1'31"054 
11 Vergne  Toro Rosso 1'31"060 
12 Massa   Williams 1'31"119 
13 Perez  Force India 1'31"283 
14 Sutil  Sauber 1'32"355 
15 Gutiérrez  Sauber 1'32"468 
16 Kvyat  Toro Rosso 1'32"495 
17 Bianchi  Marussia 1'33"486 
18 Grosjean  Lotus 1'33"646 
19 Chilton  Marussia 1'34"757 
20 Ericsson  Caterham – 
21 Kobayashi  Caterham – 
22 Maldonado  Lotus –

NO COMMENTS

Leave a Reply