Monte-Carlo – Al di là di ogni ragionevole dubbio. Subito doppia Mercedes. La  speranza è una debole fiamma: su un tracciato come questo può capitare che essere più forte non significa essere davanti a tutti.
Ma intanto prendiamo atto di quel che è accaduto nelle libere 1 sotto un cielo velato di nubi con minaccia di pioggia che non è arrivata ma potrebbe fare sentire i suoi effetti nel pomeriggio. Il braccio di ferrò tra Lezis Hamilton e Nico Rosberg è in atto anche quì. Il tedesco assopigliatutto nel Principato l'anno scorso ha fatto del suo meglio, forse con qualche riserva, per dare un segnale chiaro e forte. L'inglese ha subito deciso che non era il caso ed ha infilato un perentorio 1'18"271 che ha bloccato al secondo posto per il niente di 32 millesimi il compagno di squadra. Comunque doppia Mercedes.
Dietro il braccio di ferro è tra Red Bull e Ferrari con posizioni alterne per stamane, candidate a seconda e terza filla come previsione. Le sorprese però sono possibili. Daniel Ricciardo continua a fare meglio di Sebastian Vettel. L'australiano terzo a 235 millesimi da Hamilton, il tedesco quinto a 772. Alonso continua a fare meglio di Raikkonen eintanto stamane lo spagnolo quarto a 659 millesimi, il finlandese sesto a 1"196.
La Williams nella top ten delle libere 1 si è vista grazie a Valtteri Bottas, settimo con 1"223 di distacco mentre Felipe Massa è andato a fare shopping fermandosi al 16mo posto. Una bella vetrina per la Force India allestita da entrambi i piloti: Sergio Pérez ottavo (+1"395), Nico Hulkenberg decimo (+1"583). La McLaren alla capo della diplomazia del Principato ha presentato solo le credenziali di Magnusse, nono con 1"518 di distacco. Jenson Button è stato lasciato fuori dall'uscio, 11mo. La Lotus con un'unit power completamente nuova dice, ma non dimostra, di avere potenzialità da prime file. Romain Gros 13mo e Pastor Maldonao 14mo hanno tutto da dimostrare.

Tempi e classifica delle libere 1
1.  Hamilton Mercedes 01'18"271 (32 giri)
2.  Rosberg Mercedes 01'18"303 (31)
3.  Ricciardo Red Bull 01'18"506 (37)
4.  Alonso Ferrari 01'18"930 (31)
5.  Vettel Red Bull 01'19"043 (33)
6.  Raikkonen Ferrari 01'19"467 (31)
7.  Bottas Williams 01'19"494 (31)
8.  Perez Force India 01'19"666 (29)
9.  Magnussen McLaren 01'19"789 (29)
10. Hulkenberg Force India 01'19"856 (38)
11. Button McLaren 01'20"033 (35)
12. Gutiérrez Sauber 01'20"118 (33)
13. Grosjean Lotus 01'20"207 (33)
14. Maldonado Lotus 01'20"241 (38)
15. Vergne Toro Rosso 01'20"260 (36)
16. Massa Williams 01'20"517 (25)
17. Sutil Sauber 01'20"736 (18)
18. Kvyat Toro Rosso 01'20"914 (37)
19. Bianchi Marussia 01'21"310 (27)
20. Ericsson Caterham 01'22"063 (40)
21. Kobayashi Caterham 01'22"492 (38)
22. Chilton Marussia 01'25"817 (7)

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.