Spa-Francorchamps – Tempo variabile, pioggia in mattinata, libere 3 con pista umida che è andata man mano asciugandosi completamente. Il cielo semicoperto ha offuscato anche le Stelle di Stoccarda. Il giro veloce sui chilometri 7,004 del circuito sui saliscendi della Ardenne è stato fatto dalla Williams (Mercedes) da Valtteri Bottas: 1'49"465. Nello stesso range altri sei piloti con una forbice di 428 millesimi tra il primo e il settimo. A confermare l'offuscamento delle Stelle il secondo posto della Red Bull (Renault) di Daniel Ricciardo con 268 millesimi di distacco. Terza la Mercedes di Nico Rosberg a 274 millesimi quinta la Stella di Lewis Hamilton a 352 millesimi. Lo stesso distacco che ha registrato la Ferrari di Kimi Raikkonen, il primo a scendere sotto l'1'50". Iceman tra i piloti in attività è quello col maggior numero di vittorie a Spa, quattro, e la sua del 2009 è l'ultima vittoria della Ferrari su questo circuito.
La Rossa di Fernando Alonso si è classificata sesta con 425 millesimi di distacco, la Toro Rosso di Daniil Kvyat settima con 428. Nella top ten nel range di 1'50" tre piloti, il più veloce dei quali è stato Jenson Button con la McLaren, ottavo a 738 millesimi, seguito da Felipe Massa con la Williams, nono a 958, e da Jean-Eric Vergne con la Toro Rosso, decimo a 1"070.
Mattinata di giaculatorie per Sebastian Vettel il cui calvario continua impietosamente. La Red Bull del quattro volte campione del mondo, al quale è stata sostituita la quinta unità motrice termica (dalla prossima avrà penalizzazione in griglia), ha concluso al 13mo posto con 1"349 di distacco.

SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.