Londra – Michael Schumacher, ex campione tedesco della Ferrari, ha investito un pedone durante un tentativo di sorpasso non propriamente riuscito e, anziché scusarsi lo ha anche insultato, almeno a detta del malcapitato.
Martin Kingham (che, ironia della sorte, fa il rivenditore di auto), ha dichiarato, infatti, al tabloid “Daily Mirror”: <<L’ultima cosa che mi sarei aspettato in un tranquillo pomeriggio domenicale è di essere investito da Michael Schumacher. E’ stato incredibile. Ero sul bordo della strada, quando lui è arrivato da non so dove, per superare due vecchie signore in una piccola Fiat e mi ha urtato con il suo van blu. Mi sono ritrovato con la faccia sul cofano di un furgone parcheggiato lì vicino. Quando ho realizzato chi fosse l’investitore, pensavo di avere una commozione cerebrale, perché mi girava la testa. A quel punto – ha raccontato – lui ha cominciato a inveire contro di me e mi ha urlato “cosa diavolo stavi facendo in mezzo alla strada? Sembrava arrabbiato, come se nel torto ci fossi io. Così ho chiamato la polizia>>.  L’arrivo delle forze dell’ordine ha comportato che il pilota tedesco fosse sottoposto ad interrogatorio dalle forze di polizia oltre a subire “l’onta” di un alcol test, come è prassi in questi casi. Poi dato che non c’erano feriti gli agenti hanno spinto i due a scambiarsi gli indirizzi e Schumi è stato lasciato libero di risalire sul suo furgone e di andare, cosa che avrebbe fatto, sempre secondo l’incidentato, senza nemmeno scusarsi per l’accaduto.
Ma, malgrado l’agente di Schumacher abbia confermato l’incidente (“C’è stata una collisione ma nessuno è rimasto ferito. Michael ha collaborato con la polizia e non c’è altro da aggiungere”), gli amici e persino la moglie Leona sono convinti che il povero Martin sia solo un conta-frottole. (ore 16:10)

NO COMMENTS

Leave a Reply