Enstone – Appena due mesi fa (il 17 Giugno) Dino Toso, direttore del dipartimento aerodinamico alla Renault, lasciava la squadra con un comunicato in cui esprimeva l’intenzione di “raccogliere nuove sfide nel mondo dello sport automobilistico”. Oggi la triste realtà Dino Toso sapeva di essere malato e di non avere a disposizione molto tempo da vivere.
Diventato il responsabile del reparto aerodinamico della casa francese nel 2003, prendendo il posto di John Iley, nel 2005 e 2006, quando già gli era stato diagnosticato un cancro, aveva comunque dato il suo contributo per le due vittorie mondiali di Fernando Alonso. Infine, nel Giugno dello scorso anno, l’abbandono del mondo delle corse dopo aver proposto un nuovo pacchetto aerodinamico per il GP di Spagna di Barcellona lasciando il testimone a Dirk De Beer.
Questo mil contenuto del comunicato con cui lo scorso 17 Giugno Toso salutava il team Renault:<<Voglio ringraziare Flavio Briatore e Bob Bell per il loro sostegno sia professionale che personale durante la mia carriera in seno al team Renault F1 e per i successi vissuti assieme. La mia passione per lo sport automobilistico ha sempre ruotato attorno ad innovazioni aerodinamiche ed era motivata dalla mia volontà di competere. Adesso – diceva – sono impaziente di raccogliere altre sfide che mi permetteranno di esprimere pienamente la mia creatività tecnica nei prossimi anni e di concentrarmi su quello che mi piace più di ogni cosa, la competizione>>.
Stamani la Renault annunciava così la morte dell’ingegnere: <<E’ con grande tristezza che il team Renault conferma che l’ex direttore dell`Aerodinamica, Dino Toso, ha perso la sua battaglia contro la malattia questa mattina ed è morto pacificamente nella sua casa – comunica la scuderia – Dino ha contribuito alla costruzione di uno dei dipartimenti di aerodinamica di più successo nello sport, aiutando la Renault a vincere due volte i titoli Piloti e Costruttori. Il suo contributo al team, i suoi risultati e il suo coraggio nell’affrontare la malattia, sono una ispirazione. Ci mancherà enormemente e il pensiero di tutta la squadra va immediatamente alla sua famiglia>>. (ore 10:00)