Fiorano – E’ stato costretto al realismo Kimi Raikkonen, ma non da qualcuno delle alte sfere Ferrari, a riportarlo alla ragione è stata la constatazione dei punti che lo dividono dal numero uno della classifica iridata, Lewis Hamilton: 21.
<<Ci vorrebbe un miracolo – ha detto il campione delmondo in carica – uno come quello che potrebbe consentire ad un fulmine di colpire due volte lo stesso punto. A Monza la macchina sull’asciutto era molto buona ma sul bagnato praticamente non avevo grip, anche perché i freni non riuscivano a scaldarsi. Dobbiamo cercare di risolvere questo problema per il finale di stagione. In gara, quando la pista è andata asciugandosi, la macchina è andata molto forte, dimostrando il suo potenziale: peccato fosse ormai troppo tardi. Non è che abbia perso la mia abilità di guidare sul bagnato ma quando non c’è aderenza in certe condizioni c’è poco da fare. Gli eventi non abbassano il mio morale né la mia determinazione – ha riferito il ferrarista – e vorrei cercare di vincere ancora in questa stagione. La settimana prossima, andremo a Singapore ed è bello avere la possibilità di correre in un nuovo circuito cittadino, sarà un’esperienza molto interessante per tutti. L’atmosfera sarà eccitante e il tempo caldo e umido potrebbe giocare in nostro favore>>. (ore 15:00)