Scarperia – Il mal tempo ci ha messo la coda e l’ultimo giorno di test di Valentino Rossi al Mugello si è svolto sotto una pioggia battente ed ininterrotta che è stata in parte responsabile di un paio di testacoda del pesarese.
Un primo testacoda al mattino a causa di un errore dopo essere uscito dalla pit-lane a velocità elevata. È stato costretto a fare rientro su una auto di servizio, mentre la macchina è stata portata ai box con un carroattrezzi. Il secondo, invece, è arrivato a causa dell’asfalto reso viscido dalla pioggia: il pilota è stato però bravo a tenere accesa la macchina e una volta rimessa in posizione ha fatto rientro ai box. Dopo i circa venti giri del mattino, Rossi ne ha effettuati oltre trenta nel pomeriggio (è tornato in pista intorno alle 16:20, gli ultimi li ha percorsi praticamente al buio) in cui ha girato sull’1’35”.
«Me la sono goduta – ha comunque commentato Valentino Rossi – I due testa coda? Il giorno prima avevo fatto solo un lunghino, ma con tutta quella pioggia venuta giù mentre avevamo ancora le gomme da asciutto il primo testa coda è arrivato così; il secondo invece ho toccato un cordolo…. Sono andato cauto, la macchina è talmente bella che rovinarla sarebbe stato un peccato…».  (ore 14:00)