Colonia – I vertici della Toyota hanno annunciato di non avere intenzione di ricorrere in appello contro la penalizzazione inflitta a Jarno Trulli a Melbourne costata il podio all’italiano. Dopo aver ottenuto il terzo posto al traguardo del GP Australia, Trulli si è, infatti, ritrovato 12.mo dopo che i commissari l’hanno penalizzato per aver superato illegalmente Lewis Hamilton in regime di safety car. Trulli e la Toyota si sono difesi dichiarando “che non c’era altro da fare” che passare la McLaren dell’inglese, indicando l’intenzione di presentare appello, ma la risoluzione odierna era quasi scontata dal momento che questo tipo di ricorso contro le penalità di solito non viene dichiarato ammissibile dalla Corte d’Appello della FIA. (ore 16:19)