Maranello – Aria di tempesta all’interno della Fota, Associazione dei team di F1, nata appena lo scorso anno a Maranello sotto la guida di Luca Cordero di Montezemolo.
La polemica, che segue da vicino quella relativa ai diffusori di Toyota, Williams e Brawn, contro le quali si erano scagliate Ferrari, Red Bull, Renault e BMW, riguarda la distribuzione agli introiti televisivi che vanno distribuiti in base all’andamento in campionato delle scuderie presenti l’anno precedente. Adam Parr della Williams, anch’esso coinvolto in una polemica subito rientrata con Stefano Domenicali, ha ammesso che ci sono stati dei momenti di tensione: <<Ma Luca di Montezemolo, il presidente della FOTA, con l’aiuto di Ron Dennis e John Howett stanno riuscendo a tenere unito questa preziosa organizzazione>>.
Gli fa eco Chris Horner della Red Bull: <<E’ chiaro che ci siano degli aspetti molto delicati di cui discutere, ma credo che i panni sporchi vadano lavati in famiglia. Il clima di tensione tra le diverse scuderie è un banco di prova per riuscire a guardare aldilà degli interessi personali per il bene comune>>. (ore 10:00)