Fia-Fota, questione di costi

Fia-Fota, questione di costi

Londra – Il presidente della FIA Max Mosley sta spingendo per un limite di 33 milioni di Euro dei costi da “sopportare” in Formula 1, pur avendo invitato i team manager delle scuderie a presentare le loro proposte prima della seduta di questa settimana del Consiglio Mondiale del Motor Sport. La Fota dal canto suo ha risposto chiedendo più tempo per discutere la questione, ma secondo il quotidiano tedesco “Faz” Williams, Red Bull, Brawn, Toro Rosso e Force India sarebbero d’accordo su un tetto di 60 milioni di Euro – senza contare gli stipendi dei piloti – per il 2010. La possibilità di un limite alle spese ha innescato il desiderio di diverse squadre di ingessare in F1, tra le quali i team della GP2 iSport. Oltre a David Richards – che potrebbe approdare in F1 col nome di Prodrive o Aston Martin -, Lola e USGPE, sarebbero interessati anche il team Campos della GP2 e gli spagnoli della Epsilon Euskadi. (ore 16:10)

NO COMMENTS

Leave a Reply