Massa, intervista a tuttotondo

Massa, intervista a tuttotondo


San Paolo – Un fiume in piena Felipe Massa in un’intervista con l’emittente brasiliana Radio Jovem Pan.
<<Conosco persone che hanno avuto problemi con la droga – ha detto il pilota della Ferrari – Ma se uno ha obiettivi nella vita, e io ho avuto lo sport, questi rischi non si corrono. Per me questo non è mai stato importante, e non ho mai usato droghe per aiutarmi>>.
Parlando del suo incidente a Budapest, Massa ha detto: <<è stato serio, ma non me ne sono reso conto, mi sono svegliato con la testa fasciata, ma non ho capito bene quanto fosse serio il mio problema. Poi in Brasile ho fatto tanti esami e ho rivisto le immagini e allora ho capito cosa mi era successo. Una cosa seria, ma io ho avuto fortuna, perché avrei potuto perdere la vista o la parola. Prima di rendermi conto di ciò che mi era successo se fosse dipeso da me avrei voluto tornare in pista a Valencia, però mia moglie mi ha detto di no. In seguito ho ripreso in mano la situazione io, perché se fosse dipeso da lei non avrei più corso. Adesso tutto funziona esattamente come prima dell’incidente e questo mi rende super-felice, perché sento che posso tornare a svolgere il mio lavoro. Non devo più migliorare, oggi la mia vita è esattamente normale, uguale a quella che era prima. Dal punto di vista fisico mi alleno come prima, funziona tutto bene, muscoli, cuore, tutto uguale. Sono pronto per tornare a guidare in un Gran Premio, dal punto di vista fisico e mentale, faccio palestra e ho guidato i kart, quindi eccomi qui anche se al mio primo test, alla guida di una vettura del 2007, sono finito a lato».
Massa ha poi accennato alla sua imminente paternità <<È un cambiamento molto grande nella mia vita – ha detto – non sarò più un pilota, ma un padre che deve preoccuparsi non solo della propria vita ma al 100% di quella di suo figlio>>.
Sull’arrivo in Ferrari di Alonso, secondo Massa non ci saranno problemi. <<Fernando è un gran pilota, uno dei migliori in Formula 1 – ha detto il brasiliano – ma chiunque venga in Ferrari è sempre un compagno forte, perché la Ferrari cerca sempre i migliori. Io però farò come sempre, cercherò di fare del mio meglio e quindi di vincere. E con Alonso faremo un’auto competitiva, poi in pista dipenderà da noi>>. (ore 17:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply