San Paolo – Pare navigare in acque agitate il progetto della Campos Meta1, anche se la Dallara ha confermato di avere sempre ricevuto i pagamenti in tempo.
<<Non è vero, almeno da parte nostra – ha detto in merito, il direttore generale Dallara, Andrea Pontremoli – Stiamo ancora lavorando sulla vettura, che peraltro ha già passato i crash test>>. La nuova vettura dovrebbe debuttare in pista nella terza sessione di test di febbraio così come farà il team Lotus. Voci di corridoio vedono l’interessamento di Tony Teixeira, in passato boss dell’A1GP, ad una quota del team.
<<La gente parla di Teixeira ma noi siamo disposti a trattare anche con altri – ha commentato Adrian Campos – Non voglio vendere la mia parte del team, voglio restare il team principal. La condizione per gli azionisti è quella di accettare tutti i contratti esistenti. Il progetto è attivo, stiamo cercando investitori e sponsor>>. Intanto sembra che Bruno Senna, nipote del grande Ayrton, che ancora non ha fatto il suo debutto in Formula Uno, potrebbe cambiare scuderia. A dirlo è la Toro Rosso che ha annunciato una sorta di “diritto di prelazione”.
La Toro Rosso sta cercando un sostituto per l’ancora più giovane Jaime Alguersuari, che l’anno scorso non si è mal comportato ma ha bisogno di fare ancora un po’ di esperienza nei campionati minori. In più, il che non guasta, alle spalle di Senna jr c’è uno sponsor munifico come la Telmex. La scelta di Senna, inoltre, è ben vista dalla casa madre della Toro Rosso, vale a dire la Red Bull, che vede di buon occhio uno sviluppo commerciale del marchio in Brasile. (ore 15:07)
Nella foto: Bruno Senna.