Morumbi (Sao Paulo) – I 50 anni dalla nascita di Magic Ayrton Senna sono statiu celebrati oggi nel cimitero di Morumbi dove il campione è sepolto. Folla delle grandi occasioni a dimostrazione che il Brasile non l’ha dimenticato. Le tradizionali candeline lui non le ha potute spegnere ma l’hanno fatto i suoi tifosi, che mai l’hanno dimenticato da quel tragico primo maggio 1994, quando perse la vita al Tamburello di Imola al volante di uan Williams.
Senna non ha fatto i record di Schumacher perchè se n’è andato prima e il campione tedesco, in verità, ha avuto la vita facilitata dall’assenza prematura del paulista. Eppure nei suoi dieci anni di carriera, dall’84 al ’94, Magic Senna ha fatto incetta di record, a parte i tre titoli mondiali vinti nell’88, ’90 e ’91. Ad esempio sono state ben 65 le sue pole e 41 Gran premi vinti in 162 gare disputate. Ha collezionato 89 podi, 19 giri veloci e 614 punti in totale. I numeri seppure esaltanti non rendono merito alle sue caratteristiche umane, di vero combattente, generoso e audace, strepitoso anche nelle sconfitte. Dava spettacolo da solo, sotto la pioggia e con il caldo torrido. Per lui le corse e le vittorie erano tutto e rappresentevano anche un riscatto nella vita. Non avrebbe mai accettato una F1 senza sorpassi, che sono stati i momenti culmine della sua carriera.  (ore 15:00)