Londra – <<La Force India F1 conferma di avere avviato un procedimento civile nei confronti di Malaysia Racing Team Sdn Bhd, Malaysia Racing Team (Uk) Limited (Lotus Racing società madre), Michael Gascoyne e Aerolab Srl. La Force India conferma che è stata presentata anche una denuncia per divulgazione di informazioni confidenziali, avviata nel dicembre 2009, alle autorità competenti italiane. Le indagini sono in corso>>. E’ questo il testo del comunicato pubblicato sul sito ufficiale del team di Vijay Mallya che si è allegato con un contratto pluriennale alla Mercedes per la fornitura dei motori.
La Force India, quindi,  ha deciso di avviare un’azione legale contro la Lotus accusandola di spionaggio rivolgendosi all’Alta Corte britannica alla quale ha chiesto giustizia:  la Lotus avrebbe copiato la sua monoposto.
Da parte sua la Lotus, la cui proprietà fa capo al manager Tony Fernandes, attraverso un portavoce ufficiale ha fatto sapere che <<la Lotus Racing è stata affiancata come co-imputata in un procedimento civile che vede coinvolte in particolare la Force India e la Aerolab/FondTech. Comunque sia la Lotus non è sotto inchiesta per nessun reato. La Aerolab/Fondtech ha negato a sua volta di essersi comportata in modo errato e ha comunque garantito alla Lotus un’indennità totale per la faccenda>>. (ore 19:00)