Due “instant classic” che scrivono un nuovo capitolo nella storia del marchio che conta oltre 40 edizioni limitate, di cui quasi la metà realizzate in esclusiva per l’Italia. Due sportive di razza grazie alla motorizzazione turbo da 90 cv e cambio automatico a doppia frizione twinamic.

smart_limited

L’Italia ama la smart, da sempre il primo mercato al mondo con oltre 440.000 unità vendute dal 1998. E il marchio più giovane del mercato automobilistico ricambia l’affetto con due special edition della nuova generazione fortwo.

Con cambio automatico a doppia frizione, cerchi in lega black da 16’’, assetto ribassato, navigatore touchscreen, sensori di parcheggio e telecamera posteriore, limited #1 e limited #2 – rispettivamente nei colori moon white e grey matt – sono le ultime serie speciali di una lunga serie.

Le special edition si presentano con la motorizzazione turbo da 90 cv e coppia massima di 135 Nm a 2.500 giri/min, con il turbocompressore di nuova concezione che dispone di una valvola wastegate controllata elettronicamente per aumentare la dinamica del motore e ridurre i consumi grazie anche al dispositivo start/stop.

LA STORIA DELLE SERIE SPECIALI SMART
La collaborazione con designer e brand di prestigio fa parte della tradizione smart. Dal 1998 ad oggi sono state oltre 40 le limited edition, quasi la metà realizzate in esclusiva per l’Italia. Quaranta instant classic unite dalla filosofia tailor made che ha contribuito al successo di smart ma diverse per stile e carattere.

Innovative come la smart TIM, ideata in partnership con Telecom Italia, una delle prime serie speciali made in Italy che già nel 2001 vedeva nel futuro dell’automobile la piena integrazione con i dispositivi di infotainment. Ma anche edizioni speciali fatte su misura, come la smart teen realizzata sulle esigenze dei neopatentati, potenti ed esclusive come la Brabus 10th anniversary o uniche come la fortwo special one e quella nata dalla collaborazione con il famoso stilista americano Jeremy Scott, che ha regalato a fortwo la stravaganza delle ali, il suo marchio di fabbrica, e gruppi ottici posteriori futuristici a forma di razzo.

NO COMMENTS

Leave a Reply