Al Salone di Los Angeles 2016 ha debuttato, nella versione Quadrifoglio, l’ultima creazione Alfa Romeo: si chiama Stelvio ed è il primo Suv del Biscione. Nato nel centro d’ingegneria Alfa a Modena, nel cuore della Motor Valley italiana, il Suv Stelvio sarà prodotto nella rinnovata fabbrica di Cassino.

Il nome com’è facile intuire evoca il passo dello Stelvio, il valico montano più alto d’Italia e il secondo in Europa caratterizzato dall’omonima strada statale che si snoda per più di 20 km e conta oltre 75 tornanti, paesaggio delle imprese di numerosi campioni dell’automobilismo e del ciclismo.

STILE ALFA ROMEO

Gli ingredienti che hanno dato vita alla nuova Giulia sono stati rielaborati in chiave sport utility e nonostante le dimensioni contenute (468 centimetri di lunghezza, 165 cm di altezza e 216 cm di larghezza), l’impatto visivo della Alfa Romeo Stelvio è quello di un Suv sportivo e possente. Sulla versione Quadrifoglio presentata a Los Angeles il tutto è amplificato dalla minigonna in tinta con la carrozzeria e impreziosita da un’appendice in carbonio che ne accentua la sportività.

La stessa ispirazione sportiva si ritrova nell’abitacolo, pulito, essenziale e progettato intorno al guidatore come dimostrano il raggruppamento di tutti i comandi sul volante di piccole dimenzioni, il tunnel diagonale e la plancia leggermente ondulata.

161116_Alfa_Romeo_Stelvio_Quadrifoglio_02

I MOTORI IN GAMMA

La Stelvio Quadrifoglio monta il propulsore 2.9 V6 biturbo benzina da 510 cv abbinato al cambio automatico a otto marce e ispirato da tecnologie e competenze tecniche Ferrari. Oltre a questo propulsore esclusivo delle versioni Quadrifoglio, tra le altre motorizzazioni, ancora da definire, nella gamma Stelvio c’è il 2.0 turbo benzina da 280 cv con cambio automatico a 8 marce.

ALTAMENTE TECNOLOGICA

La Stelvio Quadrifoglio non ha nulla da invidiare alle concorrenti dal punto di vista della dotazione tecnico-prestazionale. È dotata del nuovo selettore Alfa DNA Pro che modifica il comportamento dinamico del veicolo in base alle scelte del guidatore (tra Dynamic, Natural, Advanced Efficiency e Race), trazione integrale Q4 alla quale per la prima volta è abbinata la tecnologia Torque Vectoring,  sistema elettromeccanico che combina il controllo di stabilità con il tradizionale servofreno (Integrated Brake System), impianto frenante con elementi di alluminio e dischi carbo-ceramici e Alfa Chassis Domain Control, il  “cervello” di Stelvio che coordina tutta l’elettronica di bordo.