Milano – Dopo il debutto mondiale al Salone di Detroit 2017, la Kia Stinger è stata ufficialmente presentata alla stampa europea, occasione per conoscere i primi dettagli per il nostro mercato della “granturismo” del brand coreano.

Di tanto in tanto il mondo dell’auto propone vere novità, e la Stinger è certamente una di queste. Un modello con il quale Kia s’inserisce in un segmento per lei inedito, con la chiara intenzione di infastidire le “solite tedesche” e proseguendo nella propria strategia di irrobustire l’immagine del brand. Chi lo avrebbe detto: Kia avrà in gamma una “granturismo”.

Eppure eccola, muscolosa e decisa. Pronta per il debutto sul mercato italiano che avverrà tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018.

La fastback sports sedan, plasmata sulle forme della Kia GT Concept del 2011 e ispirata nel nome dal prototipo GT4 Stinger del 2014, in Europa sarà disponibile con una scelta di tre motori: benzina 2.0 turbo 255 cv e 353 Nm di coppia, 3.3 twin-turbo V6 da 370 cv e 510 Nm, e 2.2 turbodiesel da 202 cv e 441 Nm di coppia. Si potrà scegliere la trazione posteriore o quella integrale e in gamma c’è il nuovo cambio automatico a 8 rapporti sviluppato da Kia che prevede 5 diversi programmi di guida.

LE CARATTERISTICHE

DSC_0008

Lunga quasi 5 metri (4.830 mm per l’esattezza), larga 1.870 mm (specchietti esclusi), alta 1.400 mm e con un passo di 2.905 mm, la Kia Stinger monta sospensioni a controllo elettronico e sterzo con servocomando elettrico a rapporto variabile, la cui risposta è regolabile grazie al selettore delle modalità di guida. La più potente versione con motore V6 è equipaggiata poi con impianto frenante Brembo, con pinze rosse anteriori e posteriori a doppio pistoncino.

A bordo, dove trovano spazio materiali di buona qualità ma non ai livelli delle concorrenti dichiarate Bmw o Audi, non mancano le tecnologie di assistenza alla guida che t’aspetti di trovare su un’auto di questa fascia. Ecco quindi, tra le tante, il sistema di frenata automatica in grado di riconoscere i pedoni, fari con potenza e direzione variabile in base alle condizioni del traffico, l’allerta in caso di stanchezza del guidatore, il mantenimento della corsia durante la guida, la visione a 360° intorno all’auto e l’avviso della presenza di vetture negli angoli ciechi degli specchietti retrovisori.

UNA GRAN BELLA KIA

DSC_0014

Vista dal vivo la Kia Stinger conferma quanto di bello si pensa guardandola in foto: ben proporzionata, filante e moderna, aggressiva quanto basta, con il giusto spazio a bordo per la categoria. Un modello con il quale i designer della Casa coreana hanno centrato il proprio obiettivo: creare una Kia in grado di attirare gli sguardi e in grado di far pensare a Kia come a un brand capace di andare oltre i “classici” modelli finora creati.

Vedremo cosa dirà il mercato. Difficile fare ipotesi, anche perché al momento non si conoscono ancora i prezzi. Di certo da punta di diamante della gamma la Stinger avrà prezzi superiori alla Sorento, il modello attualmente più caro della famiglia Kia, e possiamo ipotizzare dovrebbero posizionarsi tra i 45.000 e i 55.000 euro.

SHARE
Dario Cortimiglia
Giornalista professionista dal 2005, ottiene la laurea magistrale in Televisione, Cinema e Produzione Multimediale allo IULM e nel 2009 vince un concorso SKY per cortometraggi. Conclusione? Scrive di auto, ma è ancora convinto diventerà un grande regista. Founder & admin di @igers_messina e @exploringsicily.it.