Milano – Cresce sempre di più l’interesse da parte dei gestori delle flotte aziendali (fleet manager) nei confronti dei comportamenti dei loro driver, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza e le abitudini alla guida. È il dato più significativo che emerge dal LeasePlanMobilityMonitor, l’osservatorio internazionale di LeasePlan che indaga gli sviluppi in tema di mobilità con l’obiettivo di fornire informazioni chiave per una gestione sempre più efficiente delle flotte aziendali.
Uno dei problemi più importanti che emerge dalla ricerca è quello della guida distratta. L’84% dei conducenti che sono stati intervistati è “multitasking” alla guida: il 76% (in maggioranza uomini) dichiara di utilizzare il telefono mentre si trova al volante. Al secondo posto ci sono quelli che bevono mentre guidano (32%), al terzo si posizionano i patiti degli sms o dei social network (24%), mentre fumare alla guida è l’attività principale per il 39% degli intervistati. A sorpresa rispetto a quanto si potrebbe credere, solo il 6% delle donne dichiara di truccarsi mentre è in auto.
I singoli Governi e i gestori delle flotte aziendali stanno intensificando gli sforzi per informare i guidatori sui rischi drivanti dall’utilizzo di smartphone alla guida. Queste azioni includono politiche di scoraggiamento e divieti, a cui si aggiungeranno in futuro, l’implementazione di nuove tecnologie che saranno in grado di bloccare l’utilizzo dei dispositivi mobili durante la guida.
<<Sensibilizzare il comportamento del conducente è il prossimo step che porterà ad un miglioramento della gestione delle flotte aziendali – dichiara Gavin Eagle, direttore commerciale di LeasePlan in Italia -. Abbiamo bisogno di coinvolgere i guidatori per modificare le loro abitudini e per soddisfare gli obiettivi in materia di sicurezza. In quest’ottica abbiamo lanciato già da diversi anni il prodotto SafePlan per supportare le aziende nella riduzione del numero di incidenti e dei costi derivanti e per incoraggiare i driver ad avere un comportamento più responsabile. Già dal 2012 inseriamo di default, nelle vetture ordinate, il Safety Package, un kit di sicurezza che comprende un martelletto, un estintore, delle garze e tutto l’occorrente per il primo soccorso in caso di incidente. Ma il Safety Kit è solo una delle voci che sostanziano SafePlan, che si compone anche di una accurata reportistica sui sinistri e sui furti, un manuale di guida sicura, consulenza per corsi di guida sicura e l’installazione della clear box (Telematics) per la prevenzione dei rischi e per un controllo ed una ottimizzazione dei costi della flotta>>.

SHARE
Elettra Cortimiglia
Generazione ‘95, è amante della musica, in particolare dei Linkin Park. Conosce il mondo dei motori perché si ritrova in famiglia due giornalisti d’auto. Per la serie: non c’è 2 senza 3! Gestisce una bellissima pagina Facebook dedicata ai Linkin Park e al vocalist della band.